Atletica: Exploit della pordenonese Caravelli. Corre per Rio

Atletica: Exploit della pordenonese Caravelli. Corre per Rio

La pordenonese corre in linea con lo standard per Rio e diventa la settima italiana di sempre sui 400hs. Dopo 4 anni l’azzurro torna fra le barriere, con lui altri 3 sotto il minimo per Amsterdam.

Commenta per primo!

L’exploit di Marzia Caravelli (55.69) e il ritorno di Josè Bencosme (50.45), entrambi sui 400 ostacoli, illuminano il VII Memorial Luca Coscioni di Orvieto. La pordenonese dell’Aeronautica si migliora di quasi un secondo ottenendo al primo tentativo un tempo in linea con lo standard di iscrizione per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro (56.20). Il crono la fa diventare la settima italiana di sempre e la quinta europea dell’anno. Caravelli, che quest’anno si è migliorata anche sulla distanza piana (52.94 il 7 maggio a Rieti) tornerà in pista fra una settimana esatta, di fronte al pubblico del Golden Gala giovedì 2 giugno a Roma. “Avevo tanta voglia di gareggiare – racconta la Caravelli, allenata da Roberto Frinolli e Daniel Buttari – e sinceramente dopo i riscontri sui 400 piani oggi ci speravo proprio in un risultato del genere. E’ ovvio che ci sono ancora dei dettagli da mettere a punto, ma in fondo questa era solo la quinta gara della mia nuova carriera da quattrocentista ad ostacoli! L’esordio l’avevo fatto proprio su questa pista dieci mesi fa e mi ha fatto piacere tornarci con questo tempo. Adesso mi attende il Golden Gala e non vedo l’ora di esserci!”

Da Orvieto arriva anche la notizia dell’atteso rientro sul giro di pista con barriere, dopo quattro anni di assenza, di Josè Bencosme. Oggi il portacolori delle Fiamme Gialle vince di misura una gara combattuta, dove in quattro chiudono al di sotto dello standard per i Campionati Europei di Amsterdam (51.00). Alle sue spalle c’è infatti Mario Lambrughi (Atletica Riccardi) che in 50.55 avvicina il PB, seguito da Eusebio Haliti (50.73, Esercito) e Leonardo Capotosti (50.86, Fiamme Gialle). Era dal 9 settembre 2012, al meeting di Rieti, che Bencosme non correva i 400 ostacoli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy