La Mizzau e la staffetta deludono

La Mizzau e la staffetta deludono

La staffetta azzurra 4×200 con a Friulana Mizzau scende dal podio europeo dopo i successi di Debrecen e Berlino

Commenta per primo!

Netto passo indietro della staffetta 4×200 che scende dal podio europeo dopo i successi di Debrecen e Berlino. Alice Mizzau (1’59″02), Erica Musso (1’59″57), Stefania Pirozzi (1’59″82), Federica Pellegrini (1’56″38) chiudono in 7’54″63 per un quinto posto da work in progress. In questo momento il 7’48″41 dell’argento mondiale conquistato a Kazan dietro gli Stati Uniti è molto lontano. Vince l’Ungheria come nel 2010, col tempo di 7’51″63 e una Katinka Hosszu da 1’56″65; al secondo posto la Spagna in 7’53″38; al terzo l’Olanda in 7’53″63 con la chiusura di Femke Heemskerk da 1’55″16. La Svezia è dietro le azzurre in 7’55″74 malgrado l’apertura di Sjoestroem in 1’55″30, stesso tempo nuotato da Pellegrini ai campionati italiani primaverili. “Non è stata una bella gara – ammette Federica – Ci dispiace perché siamo vice campionesse mondiali ed arrivavamo da leader in Europa – Già agli assoluti avevamo visto che coi tempi non eravamo in linea con la preparazione della scorsa stagione. Personalmente ho dato il massimo; le altre ragazze faranno le rispettive valutazioni. Stasera parlerò con Matteo (il tecnico Giunta, ndr) per decidere se partecipare alla gara individuale o meno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy