La Gsa Udine da “Bella Addormentata” a Regina del Carnera

La Gsa Udine da “Bella Addormentata” a Regina del Carnera

Dopo aver sofferto per tre periodi, i bianconeri ribaltano il match nel finale e battono Roseto per 80-70. Mvp dell’incontro Ogide con 18 punti. Espulso Carlino a un minuto e mezzo dalla conclusione della gara

Prima ha visto i fantasmi, poi ha acceso le luci ed è riuscita a conquistare due punti preziosi in ottica play-off. La Gsa Udine ha avuto il merito di trasformare una serata da incubo in una festa al PalaCarnera. Molto più ostico del previsto si è rivelato l’avversario, Roseto Sharks, fanalino di coda del girone Est di Serie A2. E viene da chiedersi il perchè. Per tre quarti della gara, infatti, gli uomini di Emanuele Di Paolantonio hanno reso la vita difficile a Dykes & co. macinando punti su punti e riuscendo a disinnescare più volte gli attacchi dei friulani, toccando anche il +12 e chiudendo le prime tre frazioni in vantaggio. Nell’ultimo periodo, la formazione di coach Lino Lardo è riuscita a invertire la rotta trovando in Kyndall Dykes e Rain Veideman i suoi “jolly”. Decisamente positiva anche la prova offerta da Ousmane Diop, apparso in ripresa rispetto le ultime uscite, e da Chris Mortellaro, che ha dimostrato di esserci nel momento del bisogno. Così come capitan Michele Ferrari e il neo-acquisto Franko Bushati, molto più “inserito” rispetto a sei giorni fa. Le difficoltà di questa sera, tuttavia, dovranno servire da monito per il prossimo confronto che si giocherà mercoledì alle 20.30 contro Orzinuovi, nuovamente al Carnera. Stay strong!

CRONACA. Senza Andrea Benevelli, che giovedì si è operato per la frattura dell’ulna rimediata nel corso Gsa Udine Roseto Sharks tifosi Settore Ddella sfida di sei giorni fa a Ravenna, e Mauro Pinton ancora out per la frattura della mano sinistra, coach Lardo schiera dall’inizio: Veideman, Dykes, Raspino, Diop e Pellegrino. Il collega Emanuele Di Paolantonio risponde con: Marulli, Casagrande, Lupusor, Ogide. Il primo canestro della serata porta la firma di Veideman, a segno dopo 33 secondi con una tripla (3-0). L’estone appare in buona serata e realizza anche il 7-2 e il 9-5. Sul -4 arriva la reazione di Roseto che prima va a segno con Marulli dalla lunetta (fallo di Pellegrino) (9-7) e poi passa per la prima volta in vantaggio con Carlino (9-10) a quattro minuti dalla prima sirena. Diop riporta subito avanti i suoi (11-10) e a 4 minuti e 31 secondi dal termine del primo periodo la situazione è di nuovo in parità (13-13). Dopo un attimo di appanamento a 43 secondi dalla prima sirena Raspino mette a segno i due liberi (fallo di Ogide) del 17-17 e allo scadere Contento fissa il primo parziale sul 17-19. Il secondo periodo si apre con la tripla di Nobile (20-19), ma nel giro di un minuto Roseto torna avanti con Contento (20-21) e Carlino (20-24). Continua il testa a testa tra le due squadre che a meno di 3 minuti dal termine proseguono ancora a braccetto (28-28). A metà periodo, il giovanissimo (classe ’99) Zampini sfugge in due occasioni al controllo dei bianconeri e porta a +4 il vantaggio abruzzese (28-32). La Gsa Udine va in confusione e continua a subire l’iniziativa degli avversari che a un minuto e 25 secondi dall’intervallo lungo si portano addirittura sul +11 grazie ai canestri di Ogide e Infante (29-40). Il break negativo dei padroni di casa viene interrotto dai liberi di Pellegrino e Mortellaro (31-40). Gli Sharks però toccano il 12 a 31 secondi dalla fine del secondo quarto con una tripla di Contento (31-43). Dieci secondi dopo Mortellaro il 33-43 che chiude la frazione. Nel terzo periodo i bianconeri riaprono il match: dopo tre minuti di gioco con Bushati (tripla) e Diop lo svantaggio viene dimezzato (40-45). E a circa metà periodo Dykes completa la rimonta con tre canestri in sequenza (46-45). Pellegrino allarga il vantaggio con due canestri (50-47) dando la sensazione che il peggio sia passato. Ma non è così. Infante e Carlino riportano avanti Roseto a 3 minuti dalla fine (50-53). E gli errori dalla lunetta di Pellegrino (1/2) e Veideman (1/2) a 2 minuti dalla fine pesano (52-53). Nell’ultimo minuto Ogide è fortunato a trovare la tripla (52-56), così come Contento pochi istanti dopo (52-59). Il libero di Raspino fissa il terzo parziale sul 53-59. In avvio di ultimo quarto, lo stesso Raspino, Diop e Mortellaro annullano in due minuti lo svantaggio (59-59). A metà periodo la situazione è ancora in parità (65-65). A 4 minuti dalla fine del match Mortellaro segna il +2 (67-65) e 45 secondi dopo Bushati firma una tripla da posizione impossibile per il +5 (70-65). Ferrari e Mortellaro (su assist di Dykes) portano la Gsa Udine sul +9. A un minuto e 39 secondi dalla fine Carlino viene espulso dal direttore di gara. Ma la partita ormai ha già preso una direzione ben definita. Di Mortellaro gli ultimi due punti che fissano il finale sull’80-70.

IL TABELLINO

GSA UDINE – ROSETO SHARKS 80-70

(17-19, 33-43, 53-59)

GSA UDINE: Dykes 16 punti, Mortellaro 12, La Torre, Veideman 15, Ohehen ne, Raspino 5, Nobile 3, Ferrari 4, Cautiero ne, Pellegrino 6, Diop 12, Bushati 7. All. Lino Lardo.

ROSETO SHARKS: Carlino 10 punti, Ogide 18, Lupusor 2, Contento 10, Di Bonaventura 2, Lusvarghi, Zampini 4, Casagrande 8, Marulli 8, Infante 8. All. Emanuele Di Paolantonio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy