Gsa Udine, Lardo: è stata la partita che volevo

Gsa Udine, Lardo: è stata la partita che volevo

Il tecnico bianconero soddisfatto della prestazione della squadra: “In difesa non abbiamo mai mollato, questi sono due punti importanti per la classifica. Ma da domani dobbiamo pensare già a Imola”

Concedere solo 56 punti alla squadra di casa, costruita con obiettivi ben più importanti della salvezza, è un’impresa che ancor più “rumorosa” della vittoria stessa. Impresa che è riuscita alla Gsa Udine, che si è congedata dall’Agsm Forum di Verona con due punti in più in classifica. Molto soddisfatto a fine gara coach Lino Lardo: “E’ stata un po’ la partita che ci aspettavamo. Loro avevano l’ansia di vincere a tutti i costi davanti ai propri tifosi. E diciamo che, più per colpa nostra, abbiamo dato un vantaggio di 10 punti. Nella seconda fase della gara l’inerzia è stata dalla nostra parte e abbiamo mantenuto gli avversari riuscendo a evitare gli errori in attacco commessi all’inizio. E’ salito in cattedra Allan Ray e in difesa non abbiamo mollato. Abbiamo rispettato quello che pensavamo di questa partita. Siamo soddisfatti, certo, ma dobbiamo già pensare alla prossima gara con Costa Imola. In generale, comunque, siamo stati solidi, abbiamo lottato su tutti i palloni. Abbiamo avnuto la maturità di riprendere la partita e di tenere botta quando la tripla di Boscagin ha riportato sotto Verona”.

E’ proprio questo atteggiamento da squadra “matura” che ha consentito alla Gsa Udine di strappare alla Tezenis due punti pesantissimi, che la proiettano a sole due lunghezze di distacco dalle prime della classe (Sharks Roseto, Virtus Bologna e Treviso). Ma la condizione generale della squadra non è ancora ottimale. “Sono due settimane che ci stiamo allenando a ranghi ridotti – conclude Lardo –, però oggi Manuel Vanuzzo è rientrato alla grande, Gino Cuccarolo è stato protagonista di una partita solida e Stan Okoye… beh, non ci aspettavamo che fosse così pronto. Riccardo Truccolo ha avuto poco spazio oggi, ma difensivamente è stato fondamentale. I miei trascorsi da ex? Qui ho giocato e allenato, torno sempre volentieri a Verona, mi accolgono sempre molto bene. Ma ciò che conta sono i due punti, davvero importanti per la classifica. Ora non dovremo perdere più punti per strada…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy