Gsa Udine, Pedone: vinto due volte contro Verona, ma gli arbitri…

Gsa Udine, Pedone: vinto due volte contro Verona, ma gli arbitri…

A fine gara il presidente ha dichiarato: “La squadra ha dimostrato carattere e forza di squadra, ma per quanto riguarda l’arbitraggio è successo di tutto”

di Redazione

E’ un successo importantissimo quello conquistato ieri sera dalla Gsa Udine contro Verona. In attesa del posticipo tra Fortitudo Bologna e Imola (in programma questa sera alle 20.30) i bianconeri si avvicinano alla vetta – occupata proprio dalla Consultinvest e dall’Alma Trieste – e consolidano il terzo posto. Eppure c’è più di un'”ombra” sul derby di ieri al PalaCarnera, vinto dai friulani per 80-73 dopo un tempo supplementare.

I nostri ragazzi hanno dimostrato ancora una volta che a Udine non si passa – le parole del presidente Alessandro Pedone riprese sulla pagina Facebook ufficiale del club -. Abbiamo difeso benissimo per due tempi, poi purtroppo nel terzo tempo eravamo stanchi e Verona è stata molto brava ad approfittarne ed a crederci. Oggi comunque abbiamo dimostrato carattere e forza di team: la forza di vincere due volte la partita. Una volta contro Verona, squadra tostissima, ed una volta contro gli arbitri. Non sono avvezzo a critiche aperte e polemiche ruvide con le terne, ma questa sera è successo di tutto in campo. Gli ultimi falli del quarto tempo fischiatici contro a mio avviso erano del tutto inesistenti. Con l’ultimo, Verona addirittura è riuscita ad andare all’overtime. Tutti e 3500 gli spettatori hanno visto con i propri occhi i falli a nostro favore non fischiati nonché quella incredibile passeggiata palla in mano di Palermo, non sanzionata con il passi. Non è accettabile un arbitraggio del genere, in casa, davanti ad un pubblico come il nostro che merita rispetto. Mi chiedo se a Bologna avrebbero comunque fatto un arbitraggio di questo tipo… Detto questo, pensiamo alla prossima partita e godiamoci il terzo posto“.

(foto: ZAMOLO)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy