Gsa Udine, Porta: “Più concentrati con Bergamo”

Gsa Udine, Porta: “Più concentrati con Bergamo”

Dopo la prova incolore con la Sangiorgese, che comunque ha fruttato due punti, i bianconeri si stanno preparando per il big-match di domenica con gli orobici. Il play italo-argentino avverte: “Squadra temibile”

Non ha usato mezze parole coach Lino Lardo al termine della sfida con la Sangiorgese, definendola “la peggiore gara della stagione”. Nonostante la vittoria e i due punti che hanno consentito ai bianconeri di restare in vetta alla classifica del girone B di serie B distanziando di due lunghezze Orzinuovi, il tecnico non è stato per nulla soddisfatto della prestazione. Ma anche in una giornata “storta” la squadra è riuscita a conquistare il successo, con Antonio Alejandro Porta tra i top scorer con 13 punti. Proprio l’italo-argentino, giunto in Friuli, nel corso del mercato invernale, è l’ospite del nostro appuntamento settimanale.

Porta, della gara di domenica salviamo il risultato e poco più. Cosa è successo?

Sicuramente è stata una trasferta difficile, una gara un po’ più complicata rispetto a quanto avevamo preparato. Anche il fatto di aver disputato due gare nella stessa settimana può aver condizionato l’andamento della partita a livello fisico. Ci sono stati diversi fattori che hanno influito. Comunque sono contento, perchè se riesci a vincere quando non ti esprimi al massimo è senza dubbio un segnale positivo.

Tra i giocatori più prolifici a San Giorgio su Legnano, c’è anche lei con 13 punti. Ennesima conferma che il suo ambientamento e inserimento in squadra sono già praticamente completati…

L’ho sempre detto dall’inizio, qui ho trovato un gruppo molto unito che lavora forte. Qui ci sono un allenatore e una società con le idee chiare e, dunque, è molto più facile inserirsi quando c’è un sistema e funziona. Ringrazio tutti. Ogni giorno scendo in campo per dare il massimo e migliorare. Credo tanto nel lavoro.

Domenica alle 18 affronterete al palaBenedetti Bergamo, terza in classifica e mina vagante del girone B…

Sì, è uno scontro diretto. Conosciamo bene Bergamo, è una buonissima squadra. Credo che dobbiamo continuare a lavorare come stiamo facendo, scendendo in campo più concentrati. Questo sarà fondamentale.

In generale considera questo campionato competitivo?

Sicuramente. Trovi giocatori molto bravi, ragazzi giovani italiani ricchi di talento. Questa è senza dubbio la scommessa della pallacanestro italiana di dare più minuti ai giovani che non riuscivano a trovare spazio in serie A, dove ci sono tanti americani e stranieri. Questo è un campionato di crescita, con tanti prospetti interessanti.

Final Eight AvellinoSaliamo per un attimo di categoria. Lo scorso weekend si sono disputate a Milano le Final Eight di Serie A. E’ riuscito a seguire qualche gara, magari della “sua” Avellino?

Ho visto i risultati. So che ha vinto Milano battendo in finale Avellino… Mi dispiace per Avellino, ho diversi amici, tifosi… ma credo siano stati contenti di essere arrivati in finale.

Oltre al basket segue qualche altra disciplina?

Mi piace un po’ il calcio, guardo qualche partita, ma la mia passione è per il basket. Tifo per il Boca Juniors da quando sono bambino, ma non sono un fanatico.

E il rugby le piace?

Conosco un ragazzo argentino della Rugby Udine (Damian Montorfano, ndr). Mi piace molto il rugby, perchè c’è il contatto fisico. Secondo me danno l’anima per uno sport che per tanti anni non è stato considerato tra le “elite”. Meriterebbe maggiore attenzione, perchè i ragazzi giocano con il cuore. E’ uno sport molto fisico, ma anche bello da vedere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy