La Gsa Udine cade a Forlì

La Gsa Udine cade a Forlì

I bianconeri non riescono a bissare il successo delle Final Four. Avvio stentato per i friulani, che riaprono il match solo nel finale. Mvp dell’incontro Blackshear con 21 punti

Passo indietro per la Gsa Udine. In un palaFiera caldissimo, la formazione di coach Lino Lardo interrompe la striscia positiva al cospetto di un’Unieuro Forlì (74-71 il finale), brava ad approcciare la gara nel modo giusto, ma non certo entusiasmante. Il fattore Usa dell’Apu non ha funzionato: Stan Okoye ha faticato parecchio e Allan Ray non è ancora il giocatore in grado di fare la differenza nei 40 minuti. Ciò non toglie che la squadra ha dimostrato di poter reggere il confronto in questa serie A2, come testimoniano il terzo quarto nel quale i friulani sono riusciti a portarsi in vantaggio e gli ultimi secondi giocati ad altissima intensità. Quella stessa intensità che è mancata nei primi due periodi e che dovrà essere ritrovata al più presto perchè il calendario propone subito un altro match lontano dal Friuli per i bianconeri: domenica infatti andranno a far visita a Roseto.

Turnover per Zacchetti, escluso dai dodici da Lardo. Questo il quintetto di partenza bianconero: Traini, Truccolo, Castelli, Okoye e Cuccarolo. Pronti, via e Forlì mette a segno i primi due punti (con Jeffrey) dopo 24 secondi ai quali risponde Castelli con altrettanti liberi. Il primo vantaggio degli ospiti si concretizza con Truccolo, autore di una tripla (2-5). Nel giro di un minuto Blackshear ribalta il risultato con un alley up e un canestro da due punti a cui seguono una tripla di (11-5). Da questo momento i romagnoli spingono sull’acceleratore, mentre i friulani faticano a trovare la via del canestro e concedono un po’ troppo in difesa. Lardo a questo punto prova a cambiare la partita: inserisce Ray, toglie Traini e schiera Pinton da play. Ma è ancora Forlì a imporsi con Jeffrey e Rotondo che a un minuto dalla fine portano il vantaggio a +6 (18-12). Con due liberi trasformati da Ray nel finale si chiude il primo periodo (21-14). Nel secondo periodo partono meglio i padroni di casa che dopo un minuto e 23 secondi di gioco raggiunge il massimo vantaggio con un canestro da due punti (25-15). Cuccarolo prima, Okoyee Ray  dopo provano a dare la scossa (25-23), ma i romagnoli rispondono immediatamente con Rotondo (27-23). Forlì prova nuovamente a scappare sfruttando la lucidità di Vico e i liberi di Bonacini (31-23), a cui si aggiunge la schiacciata di Blackshear (33-23) che raggiunge così la doppia cifra. A 2 minuti e 30 dal termine del periodo Udine potrebbe ridurre lo svantaggio con Ferrari, ma l’ala friulana sbaglia entrambi i tiri liberi a disposizione. Sulla lunetta opposta, invece, Bonacini realizza uno dei due liberi, portando il vantaggio a +11 (34-23). Castelli torna in partita (-9) e Traini realizza due liberi (34-27) per fallo di Bonacini. Con i due punti di Ferrari si arriva così all’intervallo lungo (36-29). A sbloccare il terzo periodo è Vico con una tripla messa a segno dopo un minuto e 30 secondi. Risponde subito Ray (39-31) che prova a dare la carica ai suoi. La situazione migliorare dopo 3 minuti, quando, dopo aver bloccato una fuga dei romagnoli, i bianconeri trovano la tripla di Pinton e il canestro di Okoye (42-36). Jeffrey è ancora decisivo dalla distanza (44-36) e raggiunge i 17 punti personali. Dopo una fase di errori da entrambe le parti, si “svegliano” gli americani dell’Apu: prima un’azione personale di Ray e poi una schiacciata di Okoye riportano gli ospiti in partita (46-42). Ma Blackshear dalla linea dei tre punti non fallisce (49-42). A tre minuti dal termine del periodo Lardo inserisce Nobile per Ray, ma è Okoye a entusiasmare i tifosi friulani giunti in Romagna con un alley-oop in collaborazione con Pinton. La terza frazione si chiude con soli due punti di svantaggio per il team di Lardo (51-49). L’ultimo periodo si apre sulle note del precedente: Vanuzzo trova la tripla e riporta la Gsa Udine avanti (51-52). Con Pinton e Ferrari il vantaggio si allarga ulteriormente (51-56). La formazione di Garelli si rifà sotto dopo tre minuti con Blackshear e Infante (55-56) e torna in vantaggio con Vico, tra i migliore dei suoi (58-56). La Gsa conquista poi fallo tecnico e realizza il libero con Ray (60-57). Sull’azione successiva Ferrari piazza un canestro preziosissimo (60-59), ma l’Apu è ancora troppo “morbida” in difesa e i padroni di casa ne approfittano (64-59). Ray realizza un canestro impossibile (64-61) al quale risponde Blackshear con un tiro da due e un libero (67-61). Nel finale, tanti errori da una parte e dall’altra (pesante l’in&out di Ray) e a 18 secondi dalla fine Forlì trova il canestro decisivo con Jeffrey (70-65). A quattro secondi dalla sirena il risultato regala ancora qualche speranza (72-71), ma il tiro da tre di Ray non entra e Blackshear chiude l’incontro (74-71). Occasione mancata e tanto rammarico, una lezione importante in vista della trasferta di domenica a Roseto degli Abruzzi.

IL TABELLINO

(21-14, 36-29, 51-49)

UNIEURO FORLÌ – GSA UDINE 74-71

UNIEURO FORLÌ: Jeffrey 19 punti, Blackshear 21, Paolin 2, Infante 4, Bonacini 3, Vico 13, Thiam ne, Ferri 7, Pierich, Rotondo 5. All. Garelli.

GSA UDINE: Ray 14 punti, Castelli 11, Pinton 9, Nobile, Okoye 10, Vanuzzo 14, Traini 2, Ferrari 6, Cuccarolo 2, Truccolo 3, Diop ne. All. Lardo.

(foto: ZAMOLO)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy