La Gsa Udine espugna Ferrara e comincia a sognare in grande

La Gsa Udine espugna Ferrara e comincia a sognare in grande

Terzo successo di fila per i bianconeri che conquistano la salvezza e si portano a solo due lunghezze dalla zona play-off. Mvp Bowers con 29 punti. Roderick, Pellegrino e Diop usciti per cinque falli

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Tre obiettivi centrati in una sola partita. Questa sera la Gsa Udine ha sbancato il palaHilton Pharma di Ferrara al termine di una gara ricca di alti e bassi, condita da forti emozioni, piccole paure e il solito grande cuore. Sale a tre, dunque, la striscia di vittorie consecutive per gli uomini di coach Lino Lardo, che oggi hanno raggiunto matematicamente la salvezza e, soprattutto, sono volati a meno due dall’ottavo posto del girone Est di serie A2, l’ultimo che garantisce l’accesso ai play-off, occupato dalla Dinamica Generale Mantova (sconfitta in casa dall’Alma Trieste dopo il ko di sette giorni fa a Udine). Il tutto al termine di una partita resa complicata dall’ostica Bondi, sempre in partita e pericolosa con Bowers (Mvp dell’incontro con 29 punti) e decisa nel finale dal capitano Manuel Vanuzzo. Ancora una giornata da incorniciare, comunque, per Stan Okoye, autore di 22 punti e un’altra prova convincente di Aka Fall, protagonista con 6 punti e 10 rimbalzi. Ora mancano solo 3 gare al termine della regular season: domenica a Cividale arriverà Jesi, sei giorni dopo ci sarà la trasferta a Treviso e sabato 22 si chiuderà in casa contro la Fortitudo. Non svegliateci.

Senza Michele Ferrari (problema a un gomito) e Vittorio Nobile (problemi a una caviglia) e con Joel Zacchetti ancora non al top, coach Lardo schiera: Veideman, Mastrangelo, Okoye, Fall e Diop. Il collega Adriano Furlani, invece, propone il quintetto con Roderick, Cortese, Molinaro, Bowers e Pellegrino. A rompere il ghiaccio ci pensa Bowers che mette a segno una tripla dopo soli 19 secondi (3-0). La replica della Gsa non si attendere: è Mastrangelo a riportare la situazione in parità dopo 49 secondi (3-3). Dopo 1 minuto e 24 secondi di gioco l’Apu passa in vantaggio grazie a un canestro di Okoye che subisce anche fallo e trasforma il libero assegnato (3-6). Okoye comincia a macinare punti su punti e nel frattempo si sblocca anche Veideman, dal quale parte l’azione del +9 (8-17) concretizzata in tapin schiacciato. Lo stesso numero 5 bianconero realizza subito dopo la tripla del +10 (10-20) e Pinton fissa il prima parziale sul 13-23. Il secondo si apre all’insegna del bianconero con Okoy e Pinton artefici del +16 (14-30). Ma da questo momento l’Apu esaurisce la sua intensità ed emerge Ferrara. Canestro dopo canestro, i padroni di casa, spinti da Roderick e Bowers, prima dimezzano e poi annullano lo svantaggio. A meno di due minuti dall’intervallo lungo Bondi è a sole due lunghezze da Udine grazie al canestro di Roderick che fa seguito alla schiacciata dai Bowers (33-35). A 30 secondi dalla seconda sirena Roderick piazza la bomba che riporta avanti gli emiliani (36-35). Nel terzo periodo, alla Gsa Udine bastano 30 secondi per tornare avanti grazie a una tripla di Veideman (36-38). Fall e Okoye, poi, portano a +6 il vantaggio friulano (36-42) dopo due minuti di gioco. A questo punto, si registra un episodio-chiave della gara: da una rimessa laterale a favore degli ospiti, Roderick commette fallo (il quarto) e protesta veemente nei confronti del direttore di gara, che gli assegna il fallo tecnico e, dunque, lo estromette dall’incontro. A metà periodo Udine conduce con 6 punti di vantaggio (36-43). A interrompere il digiuno del team di Furlani ci pensa Cortese (38-43). A questo punto i bianconeri tentano una nuova fuga: con Mastrangelo, Vanuzzo, Fall e Pinton si portano a +8 (44-42) a 2 minuti dal termine del terzo periodo. Un canestro di Cortese fissa il terzo paziale sul 48-55. Fall, in apertura di quarto periodo, fissa il vantaggio sul +9 (48-57), ma Bowers riporta in partita Ferrara con due triple in serie (54-57). L’Apu, che perde Diop uscito per cinque falli, sembra ipnotizzata e rimane per cinque minuti a secco, con Bondi che ne approfitta parzialmente. Dopo 4 minuti e 31 secondi di gioco il punteggio è di nuovo in parità (57-57). In seguito, come già accaduto per Roderick e Diop anche Pellegrino è costretto a uscire per cinque falli. A interrompere il lungo blackout bianconero ci pensa Zacchetti a quattro minuti dalla fine del match (59-57). Lo stesso numero 7 bianconero si becca poi un fallo tecnico (Mastellari, 58-59) e abbandona il campo a favore di Vanuzzo. A tre minuti dal termine Bondi condue 60-59. A Bowers risponde immediatamente Pinton con una tripla che riporta subito i friulani avanti (60-62). A un minuto e 17 secondi dalla fine Okoye firma il +4 con una tripla di gran fattura (63-67). Cortese riporta sotto gli emiliani, ma a 24 secondi dalla fine Vanuzzo piazza il +4 (65-69) che chiude l’incontro.

(foto: ZAMOLO)

 

IL TABELLINO

BONDI FERRARA – GSA UDINE 65-69

(13-23, 36-35, 48-55)

BONDI FERRARA: Mastellari 9 punti, Ardizzoni ne, Zani ne, Mastrangelo N., Molinaro 2, Cortese 10, Crotta, Bowers 29, Pellegrino 4, Roderick 11. All. Furlani.

GSA UDINE: Diop, Okoye 22, Veideman 13, Zacchetti 2, Nobile ne, Mastrangelo 5, Traini, Pinton 14, Ferrari ne, Vanuzzo 7, Fall 6, Chiti ne. All. Lardo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy