La Gsa Udine espugna Ferrara e comincia a sognare in grande

La Gsa Udine espugna Ferrara e comincia a sognare in grande

Terzo successo di fila per i bianconeri che conquistano la salvezza e si portano a solo due lunghezze dalla zona play-off. Mvp Bowers con 29 punti. Roderick, Pellegrino e Diop usciti per cinque falli

Tre obiettivi centrati in una sola partita. Questa sera la Gsa Udine ha sbancato il palaHilton Pharma di Ferrara al termine di una gara ricca di alti e bassi, condita da forti emozioni, piccole paure e il solito grande cuore. Sale a tre, dunque, la striscia di vittorie consecutive per gli uomini di coach Lino Lardo, che oggi hanno raggiunto matematicamente la salvezza e, soprattutto, sono volati a meno due dall’ottavo posto del girone Est di serie A2, l’ultimo che garantisce l’accesso ai play-off, occupato dalla Dinamica Generale Mantova (sconfitta in casa dall’Alma Trieste dopo il ko di sette giorni fa a Udine). Il tutto al termine di una partita resa complicata dall’ostica Bondi, sempre in partita e pericolosa con Bowers (Mvp dell’incontro con 29 punti) e decisa nel finale dal capitano Manuel Vanuzzo. Ancora una giornata da incorniciare, comunque, per Stan Okoye, autore di 22 punti e un’altra prova convincente di Aka Fall, protagonista con 6 punti e 10 rimbalzi. Ora mancano solo 3 gare al termine della regular season: domenica a Cividale arriverà Jesi, sei giorni dopo ci sarà la trasferta a Treviso e sabato 22 si chiuderà in casa contro la Fortitudo. Non svegliateci.

Senza Michele Ferrari (problema a un gomito) e Vittorio Nobile (problemi a una caviglia) e con Joel Zacchetti ancora non al top, coach Lardo schiera: Veideman, Mastrangelo, Okoye, Fall e Diop. Il collega Adriano Furlani, invece, propone il quintetto con Roderick, Cortese, Molinaro, Bowers e Pellegrino. A rompere il ghiaccio ci pensa Bowers che mette a segno una tripla dopo soli 19 secondi (3-0). La replica della Gsa non si attendere: è Mastrangelo a riportare la situazione in parità dopo 49 secondi (3-3). Dopo 1 minuto e 24 secondi di gioco l’Apu passa in vantaggio grazie a un canestro di Okoye che subisce anche fallo e trasforma il libero assegnato (3-6). Okoye comincia a macinare punti su punti e nel frattempo si sblocca anche Veideman, dal quale parte l’azione del +9 (8-17) concretizzata in tapin schiacciato. Lo stesso numero 5 bianconero realizza subito dopo la tripla del +10 (10-20) e Pinton fissa il prima parziale sul 13-23. Il secondo si apre all’insegna del bianconero con Okoy e Pinton artefici del +16 (14-30). Ma da questo momento l’Apu esaurisce la sua intensità ed emerge Ferrara. Canestro dopo canestro, i padroni di casa, spinti da Roderick e Bowers, prima dimezzano e poi annullano lo svantaggio. A meno di due minuti dall’intervallo lungo Bondi è a sole due lunghezze da Udine grazie al canestro di Roderick che fa seguito alla schiacciata dai Bowers (33-35). A 30 secondi dalla seconda sirena Roderick piazza la bomba che riporta avanti gli emiliani (36-35). Nel terzo periodo, alla Gsa Udine bastano 30 secondi per tornare avanti grazie a una tripla di Veideman (36-38). Fall e Okoye, poi, portano a +6 il vantaggio friulano (36-42) dopo due minuti di gioco. A questo punto, si registra un episodio-chiave della gara: da una rimessa laterale a favore degli ospiti, Roderick commette fallo (il quarto) e protesta veemente nei confronti del direttore di gara, che gli assegna il fallo tecnico e, dunque, lo estromette dall’incontro. A metà periodo Udine conduce con 6 punti di vantaggio (36-43). A interrompere il digiuno del team di Furlani ci pensa Cortese (38-43). A questo punto i bianconeri tentano una nuova fuga: con Mastrangelo, Vanuzzo, Fall e Pinton si portano a +8 (44-42) a 2 minuti dal termine del terzo periodo. Un canestro di Cortese fissa il terzo paziale sul 48-55. Fall, in apertura di quarto periodo, fissa il vantaggio sul +9 (48-57), ma Bowers riporta in partita Ferrara con due triple in serie (54-57). L’Apu, che perde Diop uscito per cinque falli, sembra ipnotizzata e rimane per cinque minuti a secco, con Bondi che ne approfitta parzialmente. Dopo 4 minuti e 31 secondi di gioco il punteggio è di nuovo in parità (57-57). In seguito, come già accaduto per Roderick e Diop anche Pellegrino è costretto a uscire per cinque falli. A interrompere il lungo blackout bianconero ci pensa Zacchetti a quattro minuti dalla fine del match (59-57). Lo stesso numero 7 bianconero si becca poi un fallo tecnico (Mastellari, 58-59) e abbandona il campo a favore di Vanuzzo. A tre minuti dal termine Bondi condue 60-59. A Bowers risponde immediatamente Pinton con una tripla che riporta subito i friulani avanti (60-62). A un minuto e 17 secondi dalla fine Okoye firma il +4 con una tripla di gran fattura (63-67). Cortese riporta sotto gli emiliani, ma a 24 secondi dalla fine Vanuzzo piazza il +4 (65-69) che chiude l’incontro.

(foto: ZAMOLO)

 

IL TABELLINO

BONDI FERRARA – GSA UDINE 65-69

(13-23, 36-35, 48-55)

BONDI FERRARA: Mastellari 9 punti, Ardizzoni ne, Zani ne, Mastrangelo N., Molinaro 2, Cortese 10, Crotta, Bowers 29, Pellegrino 4, Roderick 11. All. Furlani.

GSA UDINE: Diop, Okoye 22, Veideman 13, Zacchetti 2, Nobile ne, Mastrangelo 5, Traini, Pinton 14, Ferrari ne, Vanuzzo 7, Fall 6, Chiti ne. All. Lardo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy