La Gsa Udine travolta dalla Virtus Bologna

La Gsa Udine travolta dalla Virtus Bologna

Dopo un avvio equilibrato i felsinei prendono largo, costringendo i bianconeri al secondo ko consecutivo. Mvp dell’incontro Umeh con 21 punti

La Gsa Udine crolla di nuovo, al cospetto della Virtus Bologna. Dopo il ko di sette giorni fa a Chieti, la formazione bianconera si è fermata questa sera all’Unipol Arena contro la Segafredo, candidata principale per la promozione in A1. Ancora una volta in casa friulana pesano le assenze, in particolare quella di Allan Ray alle prese con un problema all’anca, sostituito dal neo-acquisto Daniele Mastrangelo. Fuori dai giochi anche Joel Zacchetti, rimasto a Udine per problemi alla schiena, oltre ovviamente a Riccardo Truccolo per il quale la stagione è già conclusa. Eppure la sensazione è che dopo un discreto avvio, l’Apu avrebbe potuto reggere meglio il difficile confronto contro il team di Alessandro Ramagli. Invece, dal secondo quarto i padroni di casa hanno spinto sull’acceleratore costringendo i timidi avversari alla resa. Nel finale è emerso l’orgoglio friulano, ma il divario era talmente importante da non poter essere ridimensionato. Ora la Gsa Udine dovrà sfruttare il prossimo turno interno contro la Scaligera Verona per riprendere la corsa verso la salvezza.

Senza Ray, Zacchetti e Truccolo, coach Lardo opta per il quintetto: Traini, Mastrangelo, Ferrari, Okoye, Diop. Mentre il collega Ramagli risponde con: Spissu, Umeh, Spizzichini, Rosselli, Bruttini. In avvio parte meglio la Virtus che viene ripresa dopo 7 minuti sul 15-15 grazie a una tripla di Nobile. Ma i padroni di casa rispondono con le triple di Penna e Spizzichini che fissano il primo parziale sul 23-15. Il secondo quarto si apre con i tre punti infilati da Pinton (23-18) che riaprono le speranze in casa bianconera. E, invece, Michelori spezza l’equilibrio del match dà il via al primo tentativo di fuga dei felsinei. A metà periodo la Virtus si porta sul +16 (34-18), prendendo le distanze con prepotenza dall’Apu. I ragazzi di Lardo non riescono a reagire e soccombono ulteriormente a due minuti dal termine del periodo, quando si ritrovano a meno 18 con la tripla di Spizzichini (40-22). I bolognesi rimangono sempre avanti e arrivano all’intervallo lungo sul 44-25. Nel terzo periodo il team di Ramagli prova a ipotecare la vittoria: a turno Umeh e Bruttini mettono in difficoltà la difesa bianconera e dopo 4 minuti di gioco il vantaggio della Segafredo diventa “imbarazzante”: +31 (58-27). Prima Diop, poi Okoye provano a tamponare l’emorragia, ma la corazzata Virtus sembra essere davvero fuori portata. Nel finale del terzo periodo Spizzichini fissa il parziale sul 62-36. La Gsa Udine riprende la corsa con Diop (62-40) dopo 48 secondi. Ma ogni volta che i bianconeri provano a riavvicinarsi la Virtus torna ad allungare grazie all’ottima vena realizzativa di Umeh, Rosselli e Spizzichini. La Gsa, ancora una volta, paga le rotazioni corte e la condizione precaria di alcuni elementi (vedi Mauro Pinton) e la buona volontà non basta per arginare lo svantaggio. Bologna rimane sempre sopra di almeno 20 punti e chiude l’incontro con un rotondo 80-57.

 

IL TABELLINO

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA – GSA UDINE 80-57

(23-15, 44-25, 62-36)

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA: Spissu 10 punti, Umeh 21, Spizzichini 11, Gianninoni ne, Petrovic 1, Rosselli 12, Michelori 10, Carella ne, Oxilia 4, Penna 3, Bruttini 8. All. Ramagli.

GSA UDINE: Diop 8 punti, Gatto, Okoye 13, Nobile 6, Mastrangelo 7, Traini 3, Pinton 3, Ferrari 5, Vanuzzo, Fall 12, Chiti. All. Lardo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy