Ravenna, Tambone: Udine ha scelto giocatori importanti

Ravenna, Tambone: Udine ha scelto giocatori importanti

Il giovane playmaker sarà l’avversario dei bianconeri domenica a Cividale nella prima sfida del girone Est di A2: “Abbiamo disputato un buon pre-campionato, siamo pronti per il debutto. Le favorite? Le bolognesi e Treviso in primis, ma si prospetta un torneo apertissimo”

Prosegue il count-down in casa Gsa Udine. Domenica alle 18 Vanuzzo & co. affronteranno a Cividale (palla a due alle 18) Ravenna nella prima giornata di campionato di serie A2, con qualche punto interrogativo e diversi volti nuovi, come Stan Okoye, Andrea Traini che dovrebbero aggregarsi oggi ai compagni e l’ultimo acquisto, Alex Acker. Ma che squadra si troveranno di fronte? Lo abbiamo chiesto a Matteo Tambone, giovane playmaker classe ’94, cresciuto nella Virtus Roma e sbocciato proprio a Ravenna, dove è ritornato in estate dopo un’esperienza più che positiva a Treviglio.

Tambone, come giudica il vostro pre-campionato? Vi sentite pronti per il ritorno in campo?

Il nostro pre-campionato è andato abbastanza bene. All’inizio, come è normale che sia, abbiamo fatto un po’ fatica nel primo Ravenna basket Tambone 2torneo disputato a Cervia, ma abbiamo subito notato che qui c’è un gruppo che dà il 100 per cento in campo. Poi siamo sempre andati a crescere e siamo riusciti a migliorare in tutti gli aspetti sia difensivi che offensivi, dimostrando di essere un gruppo molto solido. Ma continueremo a lavorare per migliorarci giorno dopo giorno.

Il girone Est viene considerato competitivo quanto l’A1. E’ d’accordo? Quali squadre vede favorite?

Sicuramente è un campionato di alto livello, tecnicamente vicino all’A1, ma penso che fisicamente resti ancora un po’ di differenza. In questo girone tuttavia ci sono club storici, molto blasonati ed è sicuramente uno grande stimolo giocare contro queste piazze. Penso che le favorite restino le bolognesi e Treviso, ma tutte le squadre possono dire la loro e inserirsi tra le candidate alla promozione.

Parliamo degli avversari. A pochi giorni dall’inizio del campionato la Gsa Udine é ancora un cantiere aperto. Dopo aver rinunciato agli Usa Laser e Delegal, sono in arrivo Traini e Okoye. Li conosce? E cosa pensa più in generale del club bianconero, alla prima esperienza in A2?

Sì, conosco bene entrambi, li ho affrontati più volte, sono giocatori importanti. Nonostante Udine sia neopromossa resta una squadra ostica e molto fisica, che farà sicuramente bene, e anche questa è una grande piazza dove si conosce benissimo il basket.

Infine, quali sono i suoi obiettivi personali per questa stagione?

Sono tornato a Ravenna in una società che conosco molto bene, perché ci avevo già giocato due anni. Mi hanno affidato una responsabilità importante, che è quella di fare il play titolare e il mio primo obiettivo è che la squadra faccia una grande stagione, personalmente spero di ripagare la fiducia del coach. L’obiettivo principale per Ravenna è la salvezza e faremo di tutto per ottenerla. Se riusciremo a raggiungere tale traguardo, poi cercheremo di fare il massimo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy