Serie A2 donne, la Delser Udine cade a Vicenza

Serie A2 donne, la Delser Udine cade a Vicenza

La compagine friulana è stata superata per 75-56 dalla seconda formazione del girone. Unica nota lieta il ritorno di Alessandra Mio, assente da mesi per infortunio

Commenta per primo!

Udine cade a Vicenza. Nella quinta giornata di ritorno la Delser Basket School alza bandiera bianca contro la seconda della classe per 75-56. Dopo la convincente vittoria della scorsa settimana con Ferrara, le friulane sono arrivate dalla Velco con l’entusiasmo e l’energia giusta per cercare di replicare il risultato dell’andata, solo che l’inizio di gara – 9-0 di parziale per le padrone di casa firmato Jakovina, Madonna e Pegoraro – ha pregiudicato in modo decisivo il prosieguo del match. Vicenza è stata molto più precisa al tiro, viaggiando su percentuali elevate fin dal primo minuto e concedendo, in fase difensiva, pochi spazi alle giocatrici di Medeot che hanno carburato soltanto nella seconda frazione. Il distacco tra le due formazioni si è mantenuto praticamente inalterato per quasi tutta la durata della gara sebbene tra le file udinesi tre giocatrici abbiano raggiunto la doppia cifra. Nel terzo quarto Udine ha provato a risalire grazie al mini-break targato Ofomata, ma la Velco ha potuto contare su un’ottima prestazione dell’ex di turno Tayara Madonna che ha collezionato ben 21 punti con un 5/10 dai sei e settantacinque e 22 di valutazione.

Nonostante la sconfitta, c’è una nota positiva nella serata udinese: Alessandra Mio, dopo i mesi trascorsi lontano dal campo per il recupero dall’infortunio al ginocchio, oggi è ritornata a indossare la maglia della prima squadra, segnando anche un canestro.

VELCO VICENZA 75
DELSER-CRICH UDINE 56

(24-9; 39-28; 58-46)

VICENZA: Diodati 3, Pegoraro 12, Madonna 21, Caldaro 4, Stoppa, Jakovina 18, Nicolodi 8, Ferri 4, Cappozzo 2, Pieropan 3.
UDINE: Bianco 2, Ciotola, Beltrame 3, Mancabelli 5, Sturma, Mio 2, Vicenzotti 10, Pontoni 5, Da Pozzo 3, Rainis 10, Ofomata 16.
Arbitri dell’incontro: Lucia Barbagallo di Milano e Cristiano Giusto di Albignasego (PD).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy