La Union Udine Rugby Fvg espugna Montebelluna

La Union Udine Rugby Fvg espugna Montebelluna

Buone notizie per la Union Rugby di Udine che continua a vincere, espugnando anche Montebelluna.

Commenta per primo!

Buona la prima per la serie C della Union Udine Rugby Fvg, che si è imposta nella prima giornata della poule salvezza per 24-31 a Montebelluna. I ragazzi di coach Luca Mion, infatti, sono scesi in campo con molta convinzione nei propri mezzi e con una gran voglia di fare bene, mettendo in crisi fin dai primi minuti la difesa avversaria con la loro arma migliore, i trequarti. La linea, ben orchestrata da Mattia Barella e Tommaso Finotto, è risultata efficacissima, con le belle penetrazioni di un Matteo Morandini in grande spolvero, gli ottimi inserimenti e gli offload di Jacopo Munaro e capitan Alessandro Narduzzi, l’ordinata prestazione di Alberto Gobessi e le inarrestabili scorribande di Mattia Not.

Tali qualità – personali e di reparto – hanno consentito dapprima a Finotto, con una geniale intuizione, e quindi a Munaro, al termine di una bella azione corale, di marcare in mezzo ai pali. A segnare di più, però, sono stati gli avanti; la mischia, infatti, a dispetto del peso inferiore, si è dimostrata molto più organizzata di quella del Montebelluna e ha sfruttato tale qualità per mettere in atto alcune devastanti penetrazioni e rolling maul che le hanno permesso più volte di avanzare inarrestabile e di finalizzare in tre occasioni con la terza centro Stefano Dri (due mete) e con la seconda linea Matteo Properzi Curti.

In mischia ottime anche le prestazioni di Giacomo ‘Cinghia’ Venier, sempre efficace nelle penetrazioni e nei placcaggi, e dei flanker Alberto Passon e Claudio Goi, al quale solo la sfortuna ha negato una meritata segnatura sul lungo linea. Anche i piloni Giona Toffoletti e Marco Pignolo, seppure in sofferenza per la notevole differenza di peso, hanno fornito una prestazione d’orgoglio e di cuore; nota di merito per Mandalà, giocatore che incarna le caratteristiche classiche del vero rugbista.

Ben poco da dire sulla cronaca della partita: gli udinesi sono sempre stati in vantaggio e solo quattro singole sbavature hanno consentito agli avversari di segnare, anche perché la prova difensiva dei bianconeri è stata per il resto superlativa. Nel finale spazio alla panchina, con il rientro dell’esplosivo Jan Paulin e dei suoi conterranei Gabriele Tercic e Ivan Maniacco; bene anche Marco Salerno, entrato e subito coinvolto nel gioco, e Marco Peresano, chiamato a sostituire in prima linea l’acciaccato Pignolo. Una nota positiva anche l’ingresso (seconda presenza per lui) di Ippolito Occhialini, classe 1998, di professione mediano di mischia. Al termine della gara i ragazzi hanno voluto dedicare la vittoria a Davide Colussi, pronto all’esordio stagionale come titolare, ma infortunatosi alla spalla nel riscaldamento; davvero sfortunato. Durante il viaggio di rientro a Udine la squadra ha celebrato due ‘battesimi’, nel rispetto di consolidate tradizioni: anche questo è rugby!

UNION RUGBY UDINE: Not, Narduzzi, Munaro, Morandini, Gobessi (Tercic), Finotto, Barella (Occhialini), Dri, Passon (Maniacco), Goi, Properzi Curti, Mandalà (Salerno), Toffoletti, Venier (Paulin), Pignolo (Peresano); allenatore Luca Mion.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy