Rugby: Cominciano bene le giovanili del Rugby Udine

Rugby: Cominciano bene le giovanili del Rugby Udine

Commenta per primo!

Chi ben comincia è a metà dell’opera, recita un vecchio adagio. La formazione Under 16 della Udine Rugby Junior non poteva iniziare nel migliore dei modi la nuova avventura nel girone élite del campionato di categoria: vittoria “corsara” per 12 a 10 sul campo di San Donà, una delle società storiche della pallovale italiana. E a dimostrazione che i timori reverenziali nei confronti dei club veneti non appartengono ai giovani ruggers friulani, la vittoria in casa bianconera è stata sì motivo di legittima soddisfazione, ma ha anche lasciato qualche rammarico, dal momento che, nel punteggio, poteva essere più netta. Così si è espresso l’head coach Ennio Furlanich: “Come si dice spesso nel rugby, la partita la vince la mischia; i trequarti decidono solo il risultato finale. Nulla di più veritiero. Nel pacchetto abbiamo inizialmente sofferto un po’ la maggiore esperienza dei sandonatesi, ma, una  volta entrati in partita, ci siamo fatti valere, sia in mischia che in touche. Purtroppo i trequarti erano tesi e nervosi e non sono riusciti a concretizzare la mole di lavoro svolta dagli avanti”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Colautti, che ha sottolineato l’ottima performance degli otto di mischia.

E pensare che tra infortuni e malanni di stagione la vigilia del match d’esordio prometteva poco di buono per i bianconeri. La squadra messa in campo da Furlanich ha saputo però reagire egregiamente e, dopo, un breve warm up, utile a prendere le misure agli avversari, ha iniziato a macinare gioco, conquistando palloni in mischia e in touche. In quest’ultima fase gli avanti friulani si sono distinti per la varietà delle combinazioni; il dominio nel gioco aereo è stato uno delle chiavi di volta del match. Ottima la difesa dei trequarti, che però in attacco hanno sprecato troppe occasioni, forse per quell’eccesso di nervosismo, sottolineato dallo stesso Furlanich, o per troppa sicurezza in fase di risoluzione.

Fatto sta che San Donà conduceva 10 a 7 fino a due minuti dalla fine e che la vittoria è arrivata sul filo di lana, grazie ad una meta frutto di un’azione corale degli avanti. Vittoria meritata, ma fin troppo sofferta. In ogni caso un buon viatico per un nuovo, appassionante campionato.

Nel frattempo il mini rugby era impegnato al “VI Torneo Città di Conegliano”,  appuntamento ormai tradizionale per la Udine Rugby Junior in questo scorcio di stagione, utile per fare il punto sulla preparazione dei giovani atleti.

A Conegliano c’è stato il debutto assoluto per i più piccoli dell’Under 6, che hanno iniziato così il loro percorso rugbistico. Nove esordienti che con tanto entusiasmo e curiosità si sono uniti quelli delle altre società per giocare in formazioni miste la loro prima partita sotto la guida delle educatrici Francesca, Giulia e Federica

Gli Under 8, scesi in campo in 11, sono stati impegnati nella mattinata in tre incontri. I primi 2 contro Benetton e Casale sul Sile, gestiti molto bene, con grinta e determinazione, placcando ed occupando lo spazio , vinti entrambi in modo esemplare. La terza partita della giornata contro il Villorba Blu ha visto invece i piccoli bianconeri sconfitti per 3 a 1. Nel pomeriggio, nonostante la stanchezza, una sconfitta di misura con il Villorba Bianchi e un pareggio con i padroni di casa del Conegliano; quest’ultimo incontro è stato forse il migliore dell’intera giornata, coronamento di una progressione di gioco sicuramente lusinghiera.

Per l’Under 10 un girone preliminare impegnativo con Benetton, Casale e Villorba. Nel confronto con le tre formazioni venete gli udinesi hanno raccolto tre sconfitte, riuscendo ad andare in meta solo da situazioni di recupero. Nelle due partite seguenti, giocate con formazioni più simili, i risultati sono arrivati, a dimostrazione del fatto che il gruppo sta assimilando il progetto di gioco, anche se si dovrà lavorare ancora sulla coralità della manovra.

Infine un torneo dai due volti per l’Under 12 dei coach Casarsa e Cittaro, inseriti anch’essi nel girone con Benetton, Casale e Villorba. E’ stato mostrato un ottimo lavoro in difesa con ottime salite , buoni placcaggi e buona attitudine a contestare il possesso; in attacco buona disponibilità da parte degli atleti a voler applicare il piano di gioco, cercando di spostare il pallone il più possibile per cercare spazio.. L’altra faccia della medaglia sono stati i blackout totali in certi momenti del torneo, durante i quali i ragazzi si sono trovati in balia del gioco degli avversari senza essere in grado di reagire in maniera efficace. In settimana i tecnici lavoreranno su questo aspetto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy