Rugby: Presentato ‘Il giorno degli Angeli’ a Udine

Rugby: Presentato ‘Il giorno degli Angeli’ a Udine

Commenta per primo!

Oggi, nella Sala del Gonfalone del Comune di Udine, è stata presentata la seconda edizione del Giorno degli Angeli, il torneo benefico pensato per sostenere la ricerca contro il neuroblastoma.

All’incontro hanno preso parte l’assessore comunale allo sport, Raffaella Basana, Francesco Silvestri, presidente della Delegazione regionale della Fir e consigliere del Coni Fvg, Rossana Olivo, segretaria dell’Associazione “Luca Onlus”, e il dottor Alessandro Quattrone, che da anni segue, per conto dell’Associazione italiana neuroblastoma, la ricerca scientifica per combattere questa forma tumorale che colpisce i bambini.

Dopo il saluto dell’assessore, che ha sottolineato la vicinanza del Comune alle manifestazioni che uniscono il grande sport – testimoniato dalla presenza di sei formazioni di Eccellenza – alla solidarietà, ha preso la parola Silvestri.

Nel ringraziare la Rugby Udine 1928 per l’impegno profuso nell’organizzazione del torneo, il presidente regionale Fir ha messo in luce la chiave positiva dell’evento: “Non si tratta, come molto spesso accade, di un memorial, ma di una manifestazione pensata per sostenere e dare una speranza alle tante famiglie che si trovano a vivere il dramma di una malattia che colpisce duramente i più piccoli”.

Olivo ha ricordato le varie iniziative portate avanti dall’Associazione Luca Onlus per aiutare, concretamente, i genitori in questa difficile battaglia. Iniziative rese possibili solo grazie ai fondi raccolti anche attraverso manifestazioni come questa.

Il dottor Quattrone ha spiegato modalità e incidenza del neuroblastoma che, “pur essendo la forma tumorale più diffusa in età infantile”, resta una malattia ‘di nicchia’ per la quale, fino alla costituzione dell’associazione, non esisteva alcun tipo di ricerca. “Il lavoro portato avanti in questi anni allo scopo di individuare valide terapie per permettere la sopravvivenza dei piccoli pazienti”– ha ricordato – “è possibile solo grazie alla solidarietà, quindi non possiamo che ringraziare Udine per quanto sta facendo”.

Il compito di presentare nel dettaglio l’evento è spettato all’ideatore Andrea Muraro, che ha deciso di onorare attraverso il rugby il ricordo del figlio Zaccaria (scomparso tre anni fa proprio a causa di un neuroblastoma) e dei tanti angeli che hanno perso la vita per questa malattia. L’ex nazionale e attuale componente dei tuttineri ha ricordato come, alle tre formazioni della prima edizione -Mogliano, Petrarca e San Donà- quest’anno si siano aggiunte altre tre squadre di Eccellenza -Piacenza, Rovigo e Viadana- che hanno dato ulteriore prova di quanto il rugby sappia fare squadra e scendere in campo per una causa nobile. Muraro ha ringraziato anche le amministrazioni di Udine e Buttrio per la loro vicinanza e gli sponsor, con una menzione particolare per CariFvg, Coop Nordest e Pam che permetteranno l’allestimento del terzo tempo.

In conclusione, il Sindaco Furio Honsell ha portato il suo saluto e ha ribadito la doppia valenza – di alto profilo sportivo ed etico – del torneo, augurandosi che possa avere il giusto riscontro in termini di pubblico e raccolta fondi.

L’appuntamento, quindi, è per sabato 12 settembre, dalle 15, per un pomeriggio all’insegna del grande rugby e della solidarietà.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy