Rugby Seven: L’Italia con Tavutunawailala nel motore

Rugby Seven: L’Italia con Tavutunawailala nel motore

Andy Vilk, responsabile tecnico della Nazionale Italiana 7s, ha convocato dodici giocatori per il Gran Prix Seven di Lione, seconda delle tre tappe valide per le qualificazioni alle prossime Olimpiadi in Brasile, che si giocherà il 13 e il 14 giugno. Gli azzurri, inseriti nel Poule A, apriranno la giornata di sabato contro i padroni di casa della Francia alle 10. Alle 14.06 giocheranno contro il Portogallo, mentre il terzo match è in programma alle 16 contro la Georgia.

“Il mio cognome? I compagni di scuola delle mie figlie lo dicono in un soffio come una filastrocca: Tavutunawailala”. Così parlava, un anno e mezzo fa in una delle sue prime interviste italiane, l’ultimo nome esotico uscito fuori dal cilindro del rugby azzurro. Si tratta appunto del figiano Mosese Tavutunawailala, per gli amici Mojee, italiano per il matrimonio con Federica, una ragazza romana che gli ha dato due gemelle. Ora è stato convocato per dare una mano all’Italia del rugby a Sette che insegue il sogno olimpico di Rio 2016.

Questi i convocati azzurri:

Mattia BELLINI (Petrarca Padova)

Mirco BERGAMASCO (Zebre Rugby, 89 caps)

Riccardo BOCCHINO (Ur Capitolina 14 caps)

Steven BORTOLUSSI (Rugby Rovigo)

David Steven CASTLE (Cus Genova)

Marcello DE GASPARI (Fiamme Oro Roma)

Niccolò Luigi FADALTI (Petrarca Padova)

Matteo FALSAPERLA (Lafert San Donà)

Jacopo SALVETTI (Cammi Calvisano)

Mosese TAVUTUNAWAILALA (Villa Pamphili Roma)

Giulio TONIOLATTI (Zebre Rugby, 15 caps)

Diego VARANI (Ima Lazio)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy