Rugby: Udine cerca riscatto a Paese

Rugby: Udine cerca riscatto a Paese

Udine domenica va a giocarsi una gara importantissima a Paese. “Mi attendo una prova di maturità da tutta la squadra” afferma coach Teghini

Commenta per primo!

La Rugby Udine 1928 è pronta per una delle partite chiave del girone play-out. Domenica 6 marzo alle 14.30, infatti, i tuttineri saranno di scena a Paese, per la quarta giornata della seconda fase, diretta dall’arbitro Gabriel Chirnoaga.

Alta l’attesa per il match: i friulani, infatti, vogliono confermare l’attuale posizione in classifica, che li vede al primo posto a quota 11, seguiti da Valpolicella (9), Valsugana (8), Paese (6) Lumezzane e Cus Torino (appaiate a 5). Ma vogliono anche riscattare la brutta prestazione sul campo dei Canguri nel penultimo turno della fase regolare (16-15), che ha di fatto condannato Udine alla lotta per la salvezza.

Dovremmo essere al completo – spiega coach Maurizio Teghini – con la sola esclusione dei ‘lungo-degenti’ D’Anna, Giannangeli e Lo Schiavo, che speriamo di recuperare per le prossime sfide. In settimana, ci siamo preparati al meglio per questa partita, che sarà durissima. Paese è una formazione molto aggressiva in difesa, che schiera un numero 10 come Iannone, autentico fuoriquota per la categoria, e una terza linea contro la quale non è facile giocare. Per vincere, insomma, servirà una grande prestazione: mi attendo una prova di maturità da tutta la squadra”.

L’INIZIATIVA. Nel frattempo, la Rugby Udine 1928 comunica di aver aderito, d’intesa con la Delegazione Fir Fvg, al ‘Coni Day’: domenica 20 marzo, in occasione del match con il Cus Torino, tutti i tesserati delle federazioni o enti di promozione che fanno parte del Coni, potranno fare il tifo per i tuttineri al costo simbolico di un euro. Le adesioni andranno presentate a segreteria@friuliveneziagiulia.federugby.it entro giovedì 17 marzo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy