Rugby Udine, Groza: vogliamo chiudere in bellezza

Rugby Udine, Groza: vogliamo chiudere in bellezza

Dopo la vittoria di domenica con il Cus Torino, la formazione di coach Teghini è saldamente al comando della Poule 2 Retrocessione: “Per le ultime quattro giornate abbiamo un solo obiettivo, restare in vetta”. Il mediano d’apertura rumeno rientra di diritto tra le sorprese più liete di questa stagione

Un enorme passo verso la Serie A 2016-2017. Domenica pomeriggio, infatti, la Rugby Udine ha centrato il secondo successo consecutivo all’Otello Gerli contro il Cus Torino per 29-22, confermando il primato della Poule 2 Retrocessione e portandosi a +6 dall’inseguitrice Lumezzane (prossimo avversario alla ripresa del campionato fissata per il 3 aprile). A quattro giornate, dunque, dal termine della stagione la formazione bianconera si sta togliendo qualche soddisfazione. Anche grazie all’apporto dei giovani, che mai come quest’anno sono stati preziosi viste le numerose assenze con le quali ha dovuto fare i conti coach Maurizio Teghini. Tra questi anche il rumeno Dan Groza, mediano d’apertura classe ’96, cresciuto a Udine tra Rugby Udine (cominciando dall’Under 8) e Leonorso e figlio d’arte (il padre giocava nel massimo campionato rumeno nelle file del Cluj).

Groza, quanto conta, ai fini della salvezza, aver battuto il Cus Torino in casa?

E’ stato molto importante aver dato continuità alla bella vittoria con il Valsugana. Domenica abbiamo disputato una buona gara e siamo riusciti anche a conquistare il punto di bonus, che ci ha consentito di avanzare ulteriormente in classifica e distanziare le squadre dietro.

Domenica si è trovato davanti il suo connazionale Sergiu Ursache…

Sì, lo conosco, ha vestito la casacca della Rugby Udine in passato e ha fatto molto e anche attualmente sta avendo un grande rendimento. La Romania non ha una grandissima tradizione rugbistica, ma io sono stato fortunato perché mio padre giocava e mi ha fatto innamorare di questo sport. Così, quando sono arrivato in Italia all’età di 6 anni, mi ha subito iscritto alla Rugby Udine.

Tornando al campionato, che obiettivi vi siete dati per queste ultime quattro gare?

Vogliamo concludere al meglio questa stagione, arrivando primi nella Poule 2. E lo vogliamo fare esprimendo un bel gioco.

Circa un anno fa ha esordito in Serie A (aprile 2015) contro il Cus Verona, oggi è uno degli elementi più utilizzati da Teghini: ne ha fatta di strada…

L’anno scorso ho avuto la fortuna di esordire con la prima squadra nella penultima gara del campionato e da questa stagione sono stato inserito nella rosa. Finora ho avuto diverse possibilità di giocare e per questo devo innanzitutto ringraziare coach Teghini e poi miei compagni che mi stanno dando una mano a migliorare e a proseguire questa crescita. Uno dei punti di forza di questa squadra è proprio il gruppo dei giovani, ci siamo sempre fatti trovare pronti per dare una mano alla squadra quando ce n’era bisogno.

Infine, come valuta la sua esperienza a Udine?

Mi trovo molto bene qui, sia con il gruppo dei “vecchi”, che mi danno sempre consigli e mi aiutano a crescere, sia con i miei coetanei che, come me, stanno cercando sempre maggiore spazio, facendo il meglio possibile per la squadra.

(foto: Mario RIVA)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy