Rugby Udine, Muraro pronto all’esordio: vedo i ragazzi motivati

Rugby Udine, Muraro pronto all’esordio: vedo i ragazzi motivati

Il neo-tecnico bianconero debutterà in panchina domenica nel big-match contro i Ruggers Tarvisium: “L’unico indisponibile è Robuschi, assenza pesante, ma chi lo sostituirà non dovrà farlo rimpiangere”

Commenta per primo!

Prosegue il count-down per la partita più importante della stagione. Per qualificarsi alla Poule Promozione del campionato di serie A la Udine Union Fvg dovrà vincere il confronto con la Tarvisium Treviso in programma domenica alle 14.30 sul rettangolo dello stadio Otello Gerli di via Del Maglio. E dovrà farlo conquistando possibilmente anche il punto di bonus per mettersi al riparo da qualsiasi imprevisto. La classifica recita: Valsugana Padova 36 punti, Udine 27, Tarvisium e Casale 26. le prime due accedono alla Poule Promozione. In contemporanea i “Caimani” di Casale se la vedranno con la capolista, la quale però, essendo già ampiamente qualificata, lascerà verosimilmente a riposo buona parte dei titolari. Per Udine qualificarsi alla Poule Promozione significherebbe fondamentalmente salvezza anticipata e possibilità di impiegare il resto della stagione per far maturare i giovani e allargare la rosa.

Arriviamo a questa sfida in buone condizioni – spiega il nuovo head coach Andrea Muraro – solo Riccardo Robuschi resterà ai box per infortunio. E’ un’assenza pesante, certo, ma chi dovrà sostituirlo farà di tutto per non farlo rimpiangere. L’incombenza dei calci piazzati sarà affidata a Tarantola o a Groza”. All’andata a Treviso la Tarvisium si impose per 20 a 13. Le “Magliette Rosse”, allenate dall’ex All Blacks, iridato nel 1987, Graig Green (che nel recente passato ha allenato anche a Udine), praticano un gioco molto pragmatico, basato sui fondamentali difesa, possesso, gioco al piede. Una filosofia non propriamente in linea con la storia della Tarvisium, che per tradizione ha sempre privilegiato un rugby di movimento, ma che sta comunque dando ottimi frutti. Muraro, classe 1971, ex pilone e capitano del Petrarca Padova, 13 caps in maglia azzurra, ritiene che Udine abbia le potenzialità per centrare il successo: “In settimana abbiamo lavorato molto sulle touche e sulla difesa attorno alle touche, una fase di gioco che per i nostri avversari risulta molto importante. Per il resto, come nostra abitudine, cercheremo di muovere la palla ed attaccare gli spazi. Vedo i ragazzi molto motivati. Sono sicuro che faremmo una grande prestazione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy