Calcio Femminile: Tavagnacco, ecco Lana la scozzese

Calcio Femminile: Tavagnacco, ecco Lana la scozzese

Commenta per primo!

Lei è Lana Clelland. Bionda, occhi di ghiaccio, un vistoso tatuaggio sul braccio sinistro. La scozzese classe 1993 è la nuova attaccante dell’Upc Tavagnacco, pronta ad accendere l’entusiasmo dei tifosi friulani a suon di gol. Lana, in questi giorni, è impegnata in Nazionale, con la sua Scozia. Prima di partire, però, ha deciso di raccontarsi promettendo il massimo impegno in vista della prossima stagione.

Come ti trovi in Friuli?
«Tavagnacco è un bel posto, di dimensioni più ridotte rispetto a Bari, dove giocavo la scorsa stagione. E’ diverso ma molto bello qui».
Sei una delle giocatrici del Tavagnacco più attese della nuova stagione: senti la pressione?
«Sì, riconosco che la squadra ha molte attese su di me. Tuttavia sono venuta qui in Friuli per migliorare me stessa e il team. Sento la responsabilità ma questo mi piace. È una responsabilità positiva da sopportare. Senza dubbio farò del mio meglio per la squadra».
Nelle prime amichevoli hai già fatto vedere di cosa sei capace, andando anche in gol. Cosa ti senti di promettere ai tifosi gialloblu?
«Posso solo promettere che darò il massimo per il team. Sono in serie A e non ho intenzione di fare passi indietro: voglio entrare in Champions League e contribuire in maniera fattiva a migliorare il quinto posto raggiunto in campionato dall’Upc durante la stagione scorsa».
Quando ti sei avvicinata al mondo del calcio?
«Ho iniziato a giocare a calcio fin da piccola, avevo 5-6 anni. Il calcio è parte integrante della mia vita. All’inizio era solo una passione ma poi, crescendo, mi sono resa conto che avrei potuto trasformare questa passione in un lavoro e ho iniziato a fare carriera nel mondo del calcio professionistico».
C’è un giocatore a cui ti ispiri?
«Il mio preferito è Cristiano Ronaldo, nel calcio maschile. Ci sono anche tante donne che stimo in questo mondo, ma la mia scelta è decisamente Cristiano Ronaldo».
Sei attiva sui social? Ti piacciono le nuove tecnologie?
«Sì molto, uso i social ogni giorno, davvero ogni giorno!».
Stai per tornare a casa per rispondere alla convocazione della tua Nazionale. Cosa si prova a indossare la maglia della Scozia?
«Amo giocare per il mio Paese. È qualcosa che ho sempre sognato e mi sento fortunata a essere parte di questo gruppo. La mia nazione è cresciuta molto, soprattutto negli ultimi 10 anni, e adesso mira alla qualificazione per gli Europei del 2017».
In Scozia il calcio femminile gode di maggior considerazione rispetto all’Italia?
«Penso che in Italia ci siano molte più persone a seguire il calcio e a supportare le proprie squadre».
Un’ultima cosa: sul braccio hai un tatuaggio piuttosto vistoso. E’ l’unico?
«No, ho diversi tatuaggi. Il primo l’ho fatto quando avevo 12-13 anni e penso che ne farò molti altri».
(UPC Tavagnacco)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy