Il Pordenone perde ma esce con certezze dal Penzo

Il Pordenone perde ma esce con certezze dal Penzo

Tedino: Dico che dalla prestazione di oggi usciamo paradossalmente rafforzati. Il rigore su Cattaneo? Ha un buco nella gamba. Ed era buono anche il gol di Ingegneri

Commenta per primo!

Il Pordenone perde, ma esce dal Penso con certezze che comunque gli danno forza per continuare ad ambire ai vertici della classifica: “Il Venezia – attacca mister  Tedino al Messaggero Veneto – è una squadra di grandi giocatori. La società ha investito parecchio, vogliono vincere e ne hanno i mezzi, ma noi anche stavolta siamo stati precisi e meticolosi. La partita l’abbiamo preparata bene, abbiamo disputato un ottimo primo tempo e avremmo meritato di essere premiati per quello che siamo riusciti a fare come squadra in campo. Direi che i miei non hanno niente da invidiare a corazzate come questo Venezia. Siamo venuti a fare la partita e ci siamo riusciti, peccato perché meritavamo molto di più, pazienza. La nostra città vive con entusiasmo un momento storico nel calcio, non siamo ricchi economicamente, ma di certo lo siamo a livello di valori e idee, nonché spirito di sacrificio. Abbiamo un marchio che si sta comportando benissimo in un campionato difficile. Meritavamo molti più punti a Parma e molti più punti a Venezia».

Il tecnico risponde infine sull’inattesa scelta di Bulevardi e su alcuni episodi «Volevamo limitare Garofalo, servivano gamba, corsa, sapevamo che loro spingono molto con gli esterni bassi. E poi abbiamo molte partite ravvicinate, dovevamo gestire anche le energie. Dico che dalla prestazione di oggi usciamo paradossalmente rafforzati. Il rigore su Cattaneo? Ha un buco nella gamba. Ed era buono anche il gol di Ingegneri».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy