Il Pordenone tiene alti i colori del Friuli. Lovisa: “Eppure qualcuno ancora ci snobba…”

Il Pordenone tiene alti i colori del Friuli. Lovisa: “Eppure qualcuno ancora ci snobba…”

Il Pordenone regala un calcio migliore anche di tante squadra di categoria superiore. Tedino, friulano nato a Udine, insegna calcio e i suoi ragazzi lo interpretano al meglio. Lovisa: ” Dicono che molleremo. Regaleremo loro altre sorprese “

Commenta per primo!

Il Pordenone, come la Juve, nel ritorno ha solo vinto: ora sono sei i sigilli consecutivo della squadra di Bruno Tedino, tecnico friulano (nato a Udine) che ama ius segnare calcio. E i suoi ragazzi lo interpretano al meglio, tanto che i Ramarri a detta di molto giocano un calcio che fa invidia a molte squadre di categoria superiore.

Il presidente Mauro Lovisa se la gode: «Li abbiamo lasciati indietro quasi tutti – afferma a Il Gazzettino -. Anche le grandi. Eppure c’è ancora qualcuno che ci snobba. Non crede in noi. Dicono che molleremo. Regaleremo loro  altre sorprese quando recupereremo anche Marchi, De Agostini e Ingegneri. La nostra è una crescita programmata. Riuscita nonostante i tanti infortuni patiti. Per questo – ringrazio tutto lo staff medico, i fisioterapisti e i preparatori. Un team fantastico. Da categoria superiore, il migliore in LegaPro».

Intanto la Cremonese, prossimo avversario, non ha fermato il Salò: Pordenone quindi appaiato al secondo posto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy