Il Pordenone torna a volare: 2-1 al Padova

Il Pordenone torna a volare: 2-1 al Padova

Il Pordenone si conferma una potenza del campionato e dopo lo sfortunato stop di Bassano torna a vincere, battendo nettamente il Padova: friulani sempre più verso i play off

Il Pordenone è un’orchestra che non stona mai. Dopo lo sfortunato stop di Bassano, la musica messa in scena da mister Tedino e i suoi Ramarri torna prepotentemente a suonare in tutta la Lega Pro: i Ramarri battono il Padova, allontanandolo dai play off e avvicinandosi sempre più a un traguardo che sembra sempre più alla portata di una squadra che fa del collettivo la sua forza. Ma con dei singoli che le suonano sempre al momento giusto.

Al 5′ Pederzoli trova una conclusione diabolica dai 25 metri: potenza e precisione, palla a fil di palo. Quinto centro in campionato per il regista del Pordenone che sblocca subito il risultato.

Il dominio del Pordenone è netto, ma i neroverdi peccano sotto rete mancando il raddoppio: al 26′ Pordenone vicinissimo al 2-0, sugli sviluppi di un angolo dalla sinistra di Pederzoli, Mandorlini manda di testa un soffio alto. Al 28′ altra grande occasione neroverde. Fuga di Strizzolo di potenza, tiro con il sinistro e “paratissima” di Favaro.

Il Padova si vede con un paio di conclusioni, ma la prima frazione è stata tutta di marca friulana.

Nella ripresa i bianco scudati partono subito forti per cercare di raddrizzare il risultato: all’8′ traversa di Fabiano sugli sviluppi di una punizione. Al 20′ Ilari recupera la sfera, serve Neto che vede libero Altinier, tiro di prima intenzione del numero nove, palla di poco alta. queste le uniche vere occasioni per i patavini.

Poi è ancora Pordenone, che riprende il pallino del gioco e controlla bene in difesa. Al 20′ Bognotti prova il diagonale, Cattaneo è sulla traiettoria e devia verso la porta, palla a lato di un soffio.
E’ l’anticipazione del raddoppio che chiude i giochi. Al 24′ azione di Strizzolo che serve Buratto, beffa Diniz e buca Favaro con un tocco ravvicinato.
Il Padova reclama un fuorigioco cerca di ripartire e al 34′ Altinier trova il gol. Troppo tardi e comunque con un Pordenone che ha legittimato la vittoria con una prestazione maiuscola.

GOL: pt 5′ Pederzoli; st 25′ Buratto, 33′ Altinier

PORDENONE (4-3-1-2): Tomei; Boniotti, Stefani, Ingegneri, Martin; Mandorlini, Pederzoli (st 36′ Beltrame), Pasa; Cattaneo; Martignago (st 13′ Buratto), Strizzolo. A disp.: De Toni, Marchi, Cosner, Ramadani, Talin, Castelletto, Berardi, Buratto, Valente. All. Tedino.
PADOVA (4-4-2): Favaro; Diniz, Sbraga, Fabiano, Favalli; Ilari (st 36′ Sparacello), De Risio, Mazzocco (st 41′ Cunico), Finocchio (st 22′ Petrilli); Altinier, Neto Pereira. A disp.: Reinholds, Dell’Andrea, Anastasio, Bucolo, Turea, Baldassin, Bearzotti. All. Pillon.
ARBITRO: Fourneau di Roma 1. Assistenti Marchi di Bologna e Saccenti di Modena.
NOTE: ammoniti Strizzolo, Pederzoli, Fabiano. Angoli 4-8. Campo in ottime condizioni. Recupero: pt 1′. 2.200 spettatori circa.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy