La Triestina consolida la seconda posizione

La Triestina consolida la seconda posizione

Davanti ai 5mila del “Rocco” l’Unione vince e continua a inseguire il Pordenone, Monza annichilito 3-1!

di Redazione

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – MONZA 1912  3-1 (P.T. 0-0)

MARCATORI: Granoche Rig. 49’, Rig. 59’, Steffè 68’, D’Errico Rig. 87’

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-2-3-1): Offredi; Formiconi, Malomo, Lambrughi, Frascatore (85’ Pizzul); Steffè, Coletti (80’ Bolis); Hidalgo (46’ Petrella), Procaccio (76’ Bariti), Beccaro (46’ Mensah); Granoche.  A disp: Boccanera, Matosevic, Libutti, Maracchi, Codromaz, Pedrazzini, Costantino.  All. Massimo Pavanel

MONZA 1912 (4-3-1-2): Guarna; Anastasio, Marconi, Scaglia, Lepore; Lora (61’ Ceccarelli), Fossati (70’ Palazzi), Armellino, D’Errico; Marchi, Brighenti (56’ Reginaldo).  A disp: Sommariva, Cavaliere, Galli, De Santis, Tomaselli, Bearzotti, Negro, Tentardini, Di Paola.  All. Cristian Brocchi

ARBITRO:  Gariglio (Pinerolo – TO)   ASSISTENTI: Massimino (Cuneo) e Gualtieri (Asti)

NOTE: Pomeriggio mite e soleggiato, terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Fossati, Palazzi (Mo), Lambrughi, Pizzul (Ts) per gioco falloso. Recupero: 0’ e 4’.

SPETT.: 4924

 

Dopo la rocambolesca ed entusiasmante rimonta in terra veronese, l’Unione inizia il trittico di gare in una settimana ospitando al “Rocco” il Monza in un autentico big-match, visto anche il faraonico mercato di gennaio dei brianzoli sotto la guida della coppia Berlusconi-Galliani.

Triestina con la pesante defezione di Maracchi, febbricitante tutta la settimana e costretto alla panchina, ospiti con un’assenza altrettanto importante, con Chiricò vittima di un problema all’adduttore e nemmeno convocato.

Alabardati con la storica divisa bianca e l’esordio dal 1’ per Frascatore, in mediana Steffè accanto a Coletti con Granoche in attacco supportato da Hidalgo, Procaccio e Beccaro.

Fase di studio pressoché assente, appena 2’ infatti e gli alabardati reclamano un penalty per un mani tanto netto quanto involontario in area brianzola. Passano 30” e una bella azione corale sulla sinistra porta Beccaro al tiro da ottima posizione, il suo destro a rientrare viene bloccato in tuffo da Guarna. La contesa procede equilibrata, gli alabardati mettono in campo buone trame di gioco e un gran pressing, mettendo pressione agli ospiti pur senza creare grossi pericoli. Il Monza dal canto suo mostra palleggio degno dei tanti acquisti fatti a gennaio, e al 22’ con una fiammata mette Brighenti davanti a Offredi, grande uscita bassa del portiere e pericolo sventato. La Triestina risponde con un tiro cross di Hidalgo contenuto da Guarna, capovolgimento di fronte e Lora trova la traversa alta dopo aver superato Offredi in pallonetto. La partita da lì in poi rimane equilibrata e abbastanza bloccata fino al 43’, quando un insidioso destro di Procaccio trova la presa di Guarna. E’ l’ultimo spunto di cronaca di un primo tempo intenso e gradevole, sottolineato dagli applausi del pubblico al rientro negli spogliatoi.

Si torna in campo e subito due cambi per l’Unione, Petrella e Mensah per Beccaro e Hidalgo. La contesa si sblocca subito, serpentina di Procaccio in area ospite, netto fallo di un difensore e Gariglio indica senza esitazioni il penalty, Granoche di ghiaccio spiazza Guarna e dà il vantaggio alla Triestina. Ancora Unione al 9’, contropiede fulmineo di Mensah che crea il tre contro uno nella trequarti ospite, a tu per tu con Guarna l’attaccante pecca però di altruismo servendo in mezzo Granoche, con la difesa brianzola che in qualche modo sbroglia la clamorosa occasione. Un momento dopo Brighenti accusa un problema muscolare e deve lasciare il campo, al suo posto Reginaldo. Ci si avvicina al quarto d’ora e su un corner di Coletti arriva un netto mani in area brianzola, per Gariglio è nuovamente rigore e Granoche sigla la doppietta, nonostante la leggere deviazione di Guarna. Gli ospiti creano subito un grossissimo pericolo con una geniale palla dentro di D’Errico dalla sinistra, Marchi sbuca sul secondo palo e mette in curva da due passi. Cambio Monza al 16’, Ceccarelli prende il posto di Lora. Il furore agonistico degli alabardati è incontenibile per gli ospiti e al 23’, al termine di un contropiede fantastico, Steffè realizza il tris mandando in estasi i cinquemila del “Rocco”. Si entra nell’ultimo quarto d’ora con il cambio Bariti-Procaccio, mentre a 10’ dal termine Bolis prende il posto di Coletti. Negli ultimi 5’ Frascatore è costretto al cambio causa crampi, al suo posto dentro Pizzul. Gli ultimi minuti vedono un penalty anche per gli ospiti, destro di Marchi da fuori che trova il braccio di Pizzul aderente al corpo, per Gariglio è comunque rigore e D’Errico trasforma. Questo episodio non rovina minimamente la festa, scandita dal tifo incessante di una festante Curva Furlan, colonna sonora perfetta per un pomeriggio da ricordare, sancito da una vittoria tanto meritata quanto straordinaria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy