Pordenone d’assalto per sorprendere Gattuso

Pordenone d’assalto per sorprendere Gattuso

Sarà un Pordenone che non vuole mollare di un centimetro quello che affronterà il Pisa domenica in un Bottecchia tutto esaurito da giorni: obiettivo segnare subito per tentare l’impresa. Berrettoni c’è, stritolo tiene in ansia Tedino

Commenta per primo!

Sarà un Pordenone d’assalto quello che domenica al Bottecchia (ore 16) tenterà di ribaltare il 3-0 subito dal Pisa sette giorni fa. In casa neroverde il piano è facile sulla carta: cercare di pressare subito forte la squadra di Gattuso, profondità sulle fasce e possibilmente forcing iniziale per cercare di chiudere il primo tempo segnando due reti.

«Sicuramente – ha detto Emanuele Berrettoni a Il Gazzettino – sarà una partita completamente diversa da quella giocata in Toscana. È il nostro stadio e ci proveremo a tutti i costi. Adesso siamo consci di quello che è successo: tanti di noi erano alla prima esperienza in un campo come quello di Pisa e sicuramente abbiamo pagato un po’ di inesperienza dopo il secondo gol nerazzurro. Tedino però ci sta facendo lavorare sodo e la cosa non si ripeterà. Al Bottecchia suonerà un’altra musica. In casa siamo diversi».

Sul fronte formazione Luca Strizzolo non si è allenato nemmeno venerdì: dovrebbe stringere i denti e farcela, ma non sarà di certo al meglio. Luca Cattaneo, invece, dovrebbe essere recuperato e questa è un’alternativa fondamentale per Tedino. Irrecuperabili  sia Filippini sia Martignago,

Il Pisa, invece, non dovrebbe cambiare volto e questo dovrebbe essere  il probabile undici  (4-3-3): Bindi; Fautario, Crescenzi, Lisuzzo, Avogadri; Verna, Di Tacchio, Ricci; Varela, Çani, Mannini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy