Pordenone, l’Arma in più

Pordenone, l’Arma in più

E’ Arma l’attaccante che sta regalando più gol. Il capocannoniere del girone si racconta

Commenta per primo!

Nella prima parte di stagione il bomber neroverde Rachid Arma – capocannoniere del girone – ha fatto… 13 (gol in 20 gare)! Ma non si vuol certo fermare e punta a superare il record di centri personali: 18, realizzati nel 2011/2012 con la maglia della Spal. I gol sono importanti, importantissimi per un attaccante, ma la priorità è un’altra: «Dare il meglio per la squadra e la società – sottolinea Rash -. Quindi ben venga anche qualche gol in meno… se a segnare sono i miei compagni!».

ARMA-COLLECTION (video): Gol Teramo  / Gol a Forlì / Doppietta al Parma / Speaker: Armaaaaaa / Arma-assist con la Reggiana / Intervista 10 gol

Nell’Arma-collection neroverde il più bel gol è senza dubbio quello realizzato al Teramo, prossimo avversario, al Bottecchia. Irresistibile azione personale partita da centrocampo in porta, con doppio dribbling su un difensore e palla nell’angolino ed esultanza liberatoria sotto la Gradinata. «Quella è stata anche una delle reti più belle della mia carriera – è il pensiero dell’attaccante -. L’obiettivo è segnare anche a Teramo – trasferta molto difficile -, ma “rinuncio” volentieri al gol per una vittoria. Sarebbe il modo ideale per presentarsi al nuovo anno». 2017 che è cominciato a Caorle con il mini-ritiro: «Questi giorni sono andati davvero bene. Dopo la sosta abbiamo riattaccato la spina e lavorato intensamente, com’è giusto che sia. Quando si sta molto bene insieme, in un gruppo affiatato come il nostro – spiega il bomber – il ritiro non è pesante, anzi divertente».

Che Pordenone sarà nella seconda parte dell’annata? «Ci aspetta un percorso ancor più difficile dell’andata, con le grandi come con le piccole: tutte hanno un obiettivo da centrare. Però… noi siamo a un punto dalla vetta, e probabilmente meritavamo anche qualcosina di più. Siamo pronti – assicura Rash – ad affrontare, sempre da protagonisti, questo “nuovo” campionato, con la forza della continuità, la forza di gruppo e staff, della società e dei nostri tifosi, che saranno sicuramente sempre più numerosi. Sta a noi, continuando a giocare un calcio molto bello (e vincente), attirarli al Bottecchia!».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy