Pordenone, Lovisa: “Con la Fermana negato rigore solare, chiediamo attenzione”

Pordenone, Lovisa: “Con la Fermana negato rigore solare, chiediamo attenzione”

Uno 0-0, quello contro i marchigiani, che non è andato giù al patron Mauro Lovisa. Non per la prestazione dei suoi ma per una decisione arbitrale molto contestata

di Massimo Liva

TuttoLegaPro.com ha intervistato in esclusiva il numero uno del Pordenone Mauro Lovisa

Sia in campo che sui social il Pordenone si è lamentato per un rigore non concesso nella sfida di Fermo.

“Sin dalla passata stagione sento parlare spesso dei tanti rigori conquistati dal Pordenone in campionato e la cosa inizia a darmi fastidio. Perché se una squadra si trova spesso nell’area di rigore avversaria è più facile che venga assegnato un penalty. Quello che, ad esempio, non è stato dato questo weekend contro la Fermana. Il rigore era francamente solare, il fallo di mano di Lupoli sulla punizione di Burrai era netto: l’arbitro prima mette in bocca il fischietto e poi cambia decisione. Non sono il tipo che si lamenta però non vorrei che gli altri piangono e poi quelli penalizzati siamo noi. Non ho detto nulla dopo l’arbitraggio nei playoff col Parma però adesso chiediamo attenzione. Purtroppo l’errore tecnico in occasione del rigore non assegnato ha cambiato volto al match, visto che subito dopo è stato espulso il nostro capitano Stefani e abbiamo dovuto giocare un’ora in dieci”.

Il terzo pari consecutivo vi ha fatto perdere la vetta, seppur per un solo punto. Come valuta la lotta per la Serie B?

“Il pari di domenica non fa testo, come detto abbiamo giocato per un’ora in meno contro una squadra tosta in casa. In precedenza abbiamo incontrato avversarie ostiche, non sempre si può vincere. Adesso però dobbiamo tornare al successo già da domenica anche se non sarà affatto facile, visto che ci troveremo di fronte una squadra come la Triestina. Per quanto riguarda la graduatoria, inutile guardarla ora anche perché vi sono squadre che devono ancora riposare e altre che hanno giocato col Modena e che perderanno i punti conquistati con i canarini. Il campionato è molto equilibrato però credo che il Padova resti la favorita, essendo la squadra più strutturata del girone. E bisogna fare attenzione al Renate: per me non è una sorpresa, ho sempre detto che si tratta di un team forte e organizzato. Inoltre ha una difesa che prende pochi gol e chi subisce poco va sempre lontano. Chi lotta per la cadetteria come noi, i patavini, il Bassano, la Sambenedettese e la Feralpisalò dovrà fare i conti con i lombardi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy