Pordenone, Rossitto: “Fatica, umiltà ed entusiasmo. Risaliamo con i tifosi”

Pordenone, Rossitto: “Fatica, umiltà ed entusiasmo. Risaliamo con i tifosi”

Le prime parole da nuovo allenatore del Pordenone di Fabio Rossitto alla terza esperienza alla guida dei neroverdi

di Massimo Liva

Come riporta il sito ufficiale del Pordenone prime parole da allenatore neroverde per Fabio Rossitto, alla terza esperienza alla guida del Pordenone. «Una triplice esperienza in una piazza è forse un caso unico. Com’è unica Pordenone: la mia città, la mia gente. Difendere e portare in alto il neroverderappresenta qualcosa di speciale – afferma il tecnico pordenonese -. Ringrazio di cuore la famiglia Lovisa per avermi riportato qui: la stima è reciproca e di lunga data. Non ci ho pensato un secondo e ho detto “sì!”».

Come uscire dal periodo negativo? «Al gruppo – risponde Rossitto – ho detto di stare tranquillo e di lavorare forte: con vogliaspirito di sacrificiocorsa ed entusiasmo. I ragazzi devono avere massima autostima e consapevolezza del loro valore. I mezzi sono importanti. C’è poco tempo: diamo tutto e subito. Faticando e sudando, con umiltà e sorriso. Lavoreremo più sui concetti che sulla tattica: saremo compatti, corti e aggressivi. Dal canto mio sono voglioso di dare il mio contributo per risalire. Subentro a mister Colucci, sicuramente un tecnico preparato e che stimo molto».

Capitolo speciale: i tifosi. «Con la gente di Pordenone ho un legame incredibile, l’affetto (reciproco) è fortissimo – racconta mister Fabio -. Li invito tutti al De Marchi e allo stadio. Ci staranno sicuramente vicini, trascinandoci. Li conosco bene e sono orgoglioso di ricominciare una nuova rincorsa insieme. I ragazzi daranno tutto per loro e per il neroverde».

Nel rinnovato staff, con Andrea Toffolo promosso allenatore in seconda, Filippo Cristante (dalla Berretti) è la seconda new entry, come collaboratore tecnico. «Per me è la prima esperienza in Prima squadra dopo i 4 anni nel Settore giovanile neroverdeuna famiglia – afferma mister Cristante -. Ringrazio la società e metto a disposizione tutto me stesso per la causa. Dovremo curare ogni particolare, lavorando tutti insieme: staff, squadra, società e pubblico. Essere del territorio può per tutti noi essere un valore aggiunto».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy