Pordenone, si comincia! Tedino: “Ce la giocheremo con tutte”

Pordenone, si comincia! Tedino: “Ce la giocheremo con tutte”

Il Pordenone comincia la nuova stagione con rinnovate ambizioni: “Venezia, Parma e Cremonese partiranno un gradino sopra le altre, ma il mio Pordenone potrà giocarsela con tutte”, conferma mister Tedino

Commenta per primo!

Dopo una stagione comunque trionfale dove il Pordenone ha mostrato più volte il miglior calcio della Lega Pro e dove la promozione in B è svanita solo in semifinale contro il Pisa, i neroverdi ripartono con rinnovate ambizioni. Scatta il ritiro ad Arta Terme, sono partiti alcuni giocatori, ma mister Tedino ne ha portati altri anche più forti sulla carta. Inutile nascondersi dietro a un dito: ci sarà da lavorare, ma questo Pordenone parte tra le squadre che si giocheranno i playoff, anche se ripetersi non è mai facile.  «Venezia, Parma e Cremonese partiranno un gradino sopra le altre, ma il mio Pordenone potrà giocarsela con tutte, anche con loro», afferma Bruno Tedino a Il Gazzettino. «Il valore di una squadra non è dato dai nomi, ma dallo spirito di sacrificio e dalla voglia di lavorare insieme per il gruppo. Come il Pordenone della passata stagione. La Terza serie 2016-17 – aggiunge – sarà più difficile di quella dell’anno scorso. Per essere ancora protagonisti dobbiamo avere una squadra attrezzata. Io sono convinto che ce l’abbiamo, grazie all’impegno profuso dalla proprietà, e che – questa è la promessa di Tedino – insieme a tutti i nostri tifosi faremo ancora parlare del Pordenone e di Pordenone».

«Se vinciamo alcune scommesse relative ai giovani, facendoli diventare la nostra arma in più, perché no? L’importante è che non dimentichiamo le nostre origini. Non fermiamoci all’ultimo campionato, ma teniamo sempre bene in mente chi eravamo la scorsa estate: un club appena ripescato in Lega Pro dopo la retrocessione», ha sentenziato capitan Stefani al Messaggero Veneto.  «Dobbiamo dimostrare che ciò che abbiamo fatto l’anno scorso non è stato un caso. Intanto ora siamo diventati una piazza con più appeal: non è poco. Da parte mia c’era tutta la volontà di rimanere. Questo è il posto ideale sia per la mia idea di calcio sia per la mia famiglia. Ho fatto una scelta di vita e sono contento di avere puntato già dodici mesi fa su questo club».

RADUNO – I Ramarri si ritroveranno lunedì mattina al Centro De Marchipe ile visite mediche, nel pomeriggio è prevista la partenza per  Arta Terme dove la squadra sosterà fino al 24 luglio. Sabato la prima amichevole con una selezione Arta-Cedarchis (inizio alle 17).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy