Pordenone, Tedino: “A me la mia squadra è piaciuta”

Pordenone, Tedino: “A me la mia squadra è piaciuta”

Tedino: “Non siamo venuti al Mercante a fare barricate – spiega -. Abbiamo giocato a viso aperto contro una squadra forte e muscolare. Anche in doppio svantaggio i ragazzi hanno reagito e sfiorato il gol in almeno tre occasioni”

Commenta per primo!

Il Pordenone perde, ma rimane primo seppur in condominio col Gubbio. Il sabato della sfida a distanza tra i Ramarri e il Venezia ha visto una piccola battuta d0arresto epr entrambe a dimostrazione che questo girone di Lega Pro è più che mai vivo e livellato.

«Ovvio che dispiace perdere, ma a me la mia squadra è piaciuta anche oggi», afferma a fine gara Bruno Tedino a Il Gazzettino.  «Non siamo venuti al Mercante a fare barricate – spiega -. Abbiamo giocato a viso aperto contro una squadra forte e muscolare. Anche in doppio svantaggio i ragazzi hanno reagito e sfiorato il gol in almeno tre occasioni. L’arbitro? Tutti possono sbagliare, anche i direttori di gare. Quello che non dovrebbero fare è irritare i giocatori. Il gol di Pietribiasi? Per me, per chi era in campo e anche per chi era sugli spalti era regolare. Il condor era dietro i difensori. Peccato, perchè era anche un bel gol. Pietribiasi sarà un giocatore molto importante per noi ora che è pronto».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy