Torneo delle Regioni : Juniores con l’Emilia Romagna vittoria e primato

Torneo delle Regioni : Juniores con l’Emilia Romagna vittoria e primato

Commenta per primo!

Gli juniores del FVG bissano il successo contro il Lazio, battendo nella seconda giornata in rimonta l’Emilia Romagna. Sotto di un gol al 19 della ripresa, la squadra di Pecile reagisce e trova prima il pari con Piccolotto e poi si conferma in testa al girone grazie alla rete siglata da Selva a due minuti dalla fine. Nella terza giornata il FVG incontrerà il Comitato Autonomo di Bolzano che ha sorprendentemente battuto i campioni uscenti del Lazio che ora dicono addio alla 54aedizione del Torneo delle Regioni.

FRIULI V.G.: Fachin, Battaglini (Zanutto), Catania (Micelli), Ceolin, Del Riccio, Gurgu (Selva), Medeot, Petris, Piccolotto, Righini (Scrazzolo), Vettoretto – All. Gabriele Pecile
A disposizione: Ciroi, Stanich, Santoro, Paravano

EMILIA ROMAGNA: Simoni, Carpi (Serra), Casarano, Cremaschi, Guagneli, Maletti, Musabellju, Ragazzini, Roffi, Rolfini (Sanna), Vandelli (Passerini) – All. Giuseppe Vezzi
A disposizione: Farinella, Berti, Franca, Ghysaja, Pasquinoni, Pellegrini

Arbitro: Marseglia (MI) – Assistenti: Espero (BG) e Fornaroli di Saronno

Marcatori: Nella ripresa al 19’  Serra (E), al 29’ Piccolotto (F), 43’ Selva (F)

Ammoniti: Ceolin (F), Cremaschi (E), Maletti (E), Medeot (F), Serra (E)

Espulsioni: Cremaschi (E)

La cronaca

La Juniores di Pecile si gioca la qualificazione a Zingonia, centro sportivo dell’Atalanta, dopo la vittoria prestigiosa con i campioni del Lazio. La qualificazione mai centrata da quando il torneo raggruppa tutte le regioni in una settimana di calcio giovanile. Primi venti minuti equilibrio e zero emozioni, fino al ventitreesimo quando Vettoretto sbaglia l’anticipo a metà campo e Carpi si beve Medeot che angola benissimo. Fortunatamente Rolfini, in posizione irregolare, è sulla traiettoria e disturba il portiere. Bandierina alzata dall’assistente, gol annullato e sospiro di sollievo per i friulani.

La squadra di Pecile sembra meno brillante rispetto a domenica, l’Emilia tuttavia punge poco, una punizione telefonata al 40esimo è tutto quello che dobbiamo segnalare. Sul finale due episodi dubbi in area, vuole il rigore Gurgu agganciato da Maletti, l’arbitro dice platealmente di rialzarsi. Richiede il fallo in area anche Rolfini trattenuto  suo avviso da Petris, l’arbitro ripete il gesto e fa proseguire.

Il Primo tempo si chiude sullo 0-0, risultato giusto. Nella ripresa dopo 19 noiosi minuti ecco il lampo dell’Emilia: Rolfino trova la profondità per Serra, in sospetto fuorigioco, che batte Fachin con un preciso rasoterra. Il copione si ripete poco dopo, altro fuorigioco probabilmente sbagliato e recupero decisivo di Petris in difesa. Ma è proprio il talento del Cjarlins Muzane a trovare di testa il gol del pareggio. Sul primo palo è Piccolotto a staccare regalando al 29’ al Friuli Venezia Giulia un gol pesantissimo che profuma di qualificazione.

La difesa di Pecile però oggi non ha gli equilibri e regala l’ennesima palla gol, stavolta Serra si fa ipnotizzare da Fachin divorando la rete del vantaggio.

Finale piuttosto convulso con gli emiliani che prima chiedono l’interruzione di giochi per i crampi di Roffi, poi alla ripresa del gioco pasticciano oltre il dovuto. Simoni cerca lo scambio con un suo compagno parallelamente alla linea di fondo consentendo al 43’ a Selva di incunearsi tra difensore e portiere e di andare a depositare la palla in rete.

Veementi le proteste degli emiliani che rimediano anche l’espulsione di Cremaschi reo di aver aggredito verbalmente i giocatori del Friuli Venezia Giulia.
(figclnd-fvg.org)

IL VIDEO
[youtube youtubeurl=”L4iR_dGnwVM” ][/youtube]

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy