Lega Pro, delusione Pordenone: ai rigori passa il Parma

Lega Pro, delusione Pordenone: ai rigori passa il Parma

Nella semifinale play-off disputata questa sera allo stadio Artemio Franchi i neroverdi hanno pareggiato nei tempi regolamentari e sono stati superati ai penalties dagli emiliani

Commenta per primo!

Una serata amarissima. Nella semifinale play-off disputata in serata all’Artemio Franchi il Pordenone si è arreso ai calci di rigore dinanzi al Parma, con più di qualche rammarico. La direzione di gara, affidata a Pillitteri di Palermo, è stata macchiata da alcune decisioni arbitrali molto discutibili, che di fatto hanno compromesso l’esito del match. A decidere, invece, il passaggio degli emiliani è stato il rigore siglato da Alessandro Lucarelli, 39 anni, capitano e giocatore-simbolo del Parma. Per i ramarri, dunque, il viaggio verso la promozione è terminato a Firenze.

Pronti, via e i neroverdi si fanno vedere in area gialloblu dopo soli 7 minuti con Cattaneo. Alla prima zampata, però, la squadra di D’Aversa va a segno: calcio d’angolo per i ducali, Baraye allunga per Scaglia che dopo 15 minuti con un sinistro nell’angolino batte Tomei, festeggiando il suo primo gol stagionale. Nella fase centrale della prima frazione di gara è ancora il Pordenone a rendersi pericoloso nuovamente con Cattaneo, non fortunato nella conclusione. Lo stesso ex Como fornisce un assist d’oro a Suciu prima dell’intervallo che non riesce a sfruttare l’occasione. Nella ripresa, il team di Tedino sfiora più volte il pareggio, che si concretizza a 10 minuti dalla fine: Marchi, bravo a deviare un cross di Martignago riporta la situazione in parità. Con l’1-1 si va, dunque, ai supplementari. Il Parma spinge con coraggio, ma senza riuscire a riportarsi in vantaggio. Nel secondo tempo supplementare avvengono due episodi-chiave: al 10′ Baraye resta a terra dopo uno scontro in area del Pordenone, ma l’arbitro Pillitteri interrompe l’azione solo tre minuti dopo, quando nell’area opposta Martignago era arrivato solo davanti al portiere del Parma. E non è finita: all’ultimo secondo contatto Buratto viene atterrato in area da Frattali ma Pillitteri lascia proseguire, scatenando le proteste dei friulani. La gara, dunque, si decide ai rigori. Per il Pordenone sbagliano Misuraca e De Agostini, per il Parma Scavone. Si prosegue a oltranza con Lucarelli che spiazza Tomei regalando la finale al Parma e interrompendo così il sogno dei ramarri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy