Molto bene, ma si è sentita la mancanza di Wague (M. Giacomini)

Molto bene, ma si è sentita la mancanza di Wague (M. Giacomini)

Mister Massimo Giacomini analizza la vittoria dell’Udinese sul Chievo e la vicenda Di Natale

Commenta per primo!

Bene al Bentegodi, anche se dietro si è sentita la mancanza di Wague, che ha una stazza fisica rispetto a Piris. L’uruguaiano gioca poco, ma dimostra limiti su quel ruolo, anche a causa del fisico.

Per il resto la squadra ha funzionato: la sintesi dell’allenatore è questa, così giocando abbiamo delle garanzie. Si sono viste più azioni pericolose, il Chievo tranne qualche cross dalla trequarti ha fatto poco. Il vantaggio è avvenuto durante  gli unici 10 minuti ‘regalati’ dall’Udinese. Poi, però ci sono stati due gole  altre possibilità: se fossimo stati più tranquilli nel passaggio finale il risultato sarebbe stato migliore. Sta di fatto che i tre gol sono arrivati, il Chievo ha accorciato solo grazie a un ‘numero’ di Inglese.

Il risultato purtroppo in Italia fa giudicare il lavoro di un allenatore, ma già prima si diceva che la condizione era buona, anche se la squadra non faceva punti. Insomma servirebbe più equilibrio.

Sulla vicenda di Totò, dico che sono state fatte troppe chiacchiere, mi è sembrata esagerata. Non mi risultata nulla di esagerato, forse qualche battuta, qualche lamentela. Mi ero meravigliato di tutto questo can can. Alla fine Totò ha detto alcune cose in conferenza stampa per fermare una spirale che si era innescata. Totò non credo si sia confidato con molte persone delle sue intenzioni, ma sembrava che tutti sapessero tutto di lui.
Sul campo, poi, si è visto quanto sia prezioso nell’ultimo passaggio dove siamo carenti.

Massimo Giacomini @MondoUdinese

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy