Se l’Udinese gioca con intensità può fare male all’Inter (Di C.Muraro)

Se l’Udinese gioca con intensità può fare male all’Inter (Di C.Muraro)

L’analisi di Carlo Muraro, opionionista a Sky e doppio ex di Inter e Udinese

Commenta per primo!

Rispetto all’inizio sono migliorate sia Inter sia Udinese. I friulani hanno perso troppo pesantemente con la Fiorentina, per quello che si è visto. C’era una differenza tecnica, ma un passivo così è stato troppo pesante e non ha rispecchiato i valori in campo.  L’Udinese sta prendendo la fisionomia di Colantuono, attenta, grintosa, applicata.

Manca Zapata, questo è il problema davanti. Di Natale vuole giocare di più, forse, ma va amministrato bene per non farlo andare incontro a infortuni. Se ha motivazioni è difficile che smetta, poi serve capire come sta moralmente: ha sempre giocato, forse non accetta l’impiego part time. Altafini però alla Juve faceva la differenza anche in pochi minuti. Si può distinguere come partite se usarlo inizialmente o a gara in corso: io lo farei sempre giocare, ma è un altro discorso! Ora con l‘Inter serve capire chi sta meglio davanti, la difficoltà di Colantuono è questa.

Inizialmente io ho paragonato l’Inter di oggi a quella del Trap dei 58 punti. Vincere aiuta a vincere e migliora il gioco e questo sta avvenendo. Non mi meraviglia che giochi meglio senza Icardi, ha giocatori più mobili e difficili da marcare. Oggi tutti stanno togliendo qualcosa a livello personale per dare alla squadra: questo è servito a fare gruppo. Poi sono cresciuti esponenzialmente Miranda e Murillo. Forse manca il geometra alla Matteoli, però ha due ruba palloni in mezzo difficili da superare, e davanti è imprevedibile.

Sulla gara di sabato se l’Udinese gioca con l’intensità vista nelle ultime gare darà filo da torcere all’Inter che soffre chi gli lascia pochi spazi.

Carlo Muraro @MondoUdinese

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy