Brasile 2014, l’abbandono degli stadi mundial

Brasile 2014, l’abbandono degli stadi mundial

Mesi di lotte intestine e proteste continue, svariate centinaia di milioni di euro gettati al vento. A meno di un anno dal Mondiale di calcio, in Brasile gli stadio cominciano a trasformarsi in vere e proprie cattedrali nel deserto. L’ultimo a essere abbandonato è l’Arena Fonte Nova di Salvador di Bahia, teatro di Spagna-Olanda 1-5, costato 173 milioni di euro. “Meglio” è andata al Mané Garrincha di Brasilia, ora una stazione per i bus. L’ultima notizia in ordine temporale è l’addio del Bahia, club brasiliano attualmente militante nella Serie B locale, allo stadio dei sogni, quell’Arena Fonte Nova da 52mila spettatori rimodernato appositamente per la rassegna iridata dell’estate 2014. Il numero di spettatori però non c’entra, anzi. Il Bahia tornerà a giocare al vecchio stadio comunale (capacità 31700) a causa della proprietà dell’impianto attuale colpevole secondo il club di “non trattare con rispetto” i tifosi di casa. “Sono i tifosi che danno vita allo stadio” e senza di loro la società ha scelto di traslocare lasciando a se stesso uno stadio da 180 milioni di euro che pochi mesi prima divenne teatro di una partita epica come il 5-1 inflitto dall’Olanda di Van Gaal alla Spagna campione in carica. Brasile 2014, abbandonato lo stadio di Salvador. Quello di Brasilia è un deposito autobusQuello di Bahia però non è l’unico caso di un investimento caduto nel vuoto o quasi. Una sorte simile è capitata all’impianto di Brasilia, il Mané Garrincha in cui si giocò la finalina tra Brasile e gli Oranje. Un impianto da 490 milioni di euro, il secondo più costoso di sempre, ridotto a un deposito per gli autobuscittadini. Questa infatti è stata la scelta dei politici locali parcheggiando circa 400 veicoli ogni giorno e usando le stanze dello stadio come uffici per le autorità cittadine. Questo perché dalla fine dei mondiali solamente due partite sono state fissate per il Mané Garrincha e la prossima sarà Cruzeiro-Corinthians a maggio. Troppo poche per giustificare un affitto da 150mila euro al mese Da Sportmediaset

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy