Cina, dura contestazione a Zaccheroni

Cina, dura contestazione a Zaccheroni

“Via Zaccheroni!” e “Vogliamo indietro il vecchio Gouan!” sono i cori intonati durante la partita dai 42 mila tifosi presenti, alcuni dei quali sono scoppiati in lacrime dopo il fischio finale

Commenta per primo!

Non tutti gli allenatori italiani espatriati in Cina hanno avuto lo stesso successo di Marcello Lippi. L’ultima sconfitta, rimediata ieri in casa per 2-1 contro la seconda in classifica Jiangsu Suning, e’ costata infatti una durissima contestazione ad Alberto Zaccheroni, dal 19 gennaio allenatore del Beijing Gouan, il club piu’ importante della capitale Pechino. “Via Zaccheroni!” e “Vogliamo indietro il vecchio Gouan!” sono i cori intonati durante la partita dai 42 mila tifosi presenti, alcuni dei quali sono scoppiati in lacrime dopo il fischio finale. Al termine della partita alcuni tifosi inviperiti si sono poi ammassati di fronte all’entrata dello stadio dalla quale sarebbero usciti giocatori e staff della squadra, costringendo la polizia a intervenire.

Che il nome di Zac ora non torni buono per la Nazionale? Di certo sembra che la sua avventura orientale non sembra delle più esaltanti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy