Berrettoni: “E’ il momento più alto nella storia del Pordenone”

Berrettoni: “E’ il momento più alto nella storia del Pordenone”

La parole di Berrettoni alla vigilia della sfida in Coppa Italia: “Ti ferma per strada gente che normalmente non segue il calcio. E ti dice che verrà a San Siro. In Italia solo il calcio è capace di aggregare così.”

di Redazione

Emanuele Berrettoni, ex Lazio, 4 presenze al Meazza contro Inter e Milan con la maglia del Perugia, parla della sfida in Coppa Italia contro l’Inter e il suo rivale Icardi:

«Si, in società sono stati fantastici a metterla sull’ironia. Speriamo che l’abbia presa sul ridere anche Icardi. Altrimenti siamo fregati. Ma penso che tutti abbiano capito lo spirito. Tra me e Icardi non c’è paragone». 

 Come vive questa vigilia? 

 «Mi sta passando davanti agli occhi la carriera come in un film. Da ragazzo con la Lazio ho perso uno scudetto Allievi in finale con l’Inter. Penso a quello che avrebbe potuto essere. E’ un regalo poter tornare a San Siro dopo tanta Serie C. Avevo perso la speranza. Quando ho giocato a Milano col Perugia, ero giovane e incosciente. Adesso sono più maturo: vivrò questa serata come un giusto premio». 

La città è impazzita? 

 «Non si parla d’altro. E’ il momento più alto nella storia del Pordenone. Chissà quando ricapiterà. Ti ferma per strada gente che normalmente non segue il calcio. E ti dice che verrà a San Siro. Non è uno scherzo portare 3.000 persone da Pordenone a Milano di sera con questo freddo. In Italia solo il calcio è capace di aggregare così. Nessun altro sport ci riesce. Forse ormai non ci riesce nemmeno la politica». 

Come potete limitare l’Inter? 

«Nell’unico modo che conosciamo: giocando a calcio. Sono le nostre caratteristiche. Non siamo una squadra fisica. Vogliamo fare bella figura. Poi il calcio è strano, ma fino a un certo punto». 

Tanti pensano che in Coppa Italia dovrebbe giocare in casa la squadra più debole. 

 «Seguendo la logica sarebbe giusto. Ma egoisticamente per noi è il regalo più bello andare a Milano. Inoltre dove avremmo potuto mettere i tifosi dell’Inter nel nostro piccolo “Ottavio Bottecchia”? Non ci sarebbero stati nemmeno i nostri. Saremmo comunque dovuti andare a Udine. Allora teniamoci il nostro sogno e andiamo a San Siro».

(Tuttosport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy