Il ranking Uefa (finalmente) ci sorride

Il ranking Uefa (finalmente) ci sorride

Per la prima volta dal lontano 2003, l’Italia potrebbe chiudere la stagione calcistica al primo posto del ranking per club dell’Uefa. A un mese esatto dalla fine della stagione delle Coppe europee (6 giugno a Berlino), grazie alla vittoria ieri sera della Juventus contro il Real Madrid, l’Italia è infatti salita al vertice della graduatoria continentale superando la Spagna con 18,5 punti contro 18,357. Più indietro la Germania (15,571) e l’Inghilterra (13,571). Real Madrid Daniel Carvajal Juventus Alvaro MorataLa classifica è compilata prendendo in considerazione tutti i risultati conseguiti durante la stagione europea dai club di un Paese. Vengono attribuiti due punti per ogni vittoria ed uno per il pareggio. Vi sono poi diversi punti di bonus, per l’accesso alla fase a gironi della Champions, per la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta in Champions e per i passaggi dei turni nella fase ad eliminazione diretta. Dopo ogni turno, i punti cosi’ sommati vengono divisi per il numero di squadre in lizza all’inizio della stagione per stabilire il coefficiente. Proprio questo metodo di calcolo fornisce un vantaggio all’Italia sulla Spagna. Entrambi i paesi contano ancora tre formazioni in lizza nelle Coppe – Juventus in Champions, Napoli e Fiorentina in Europa League per l’Italia; Real Madrid e Barcellona in Champions, Siviglia in Europa League per la Spagna – ma l’Italia disponeva di sole sei squadre al via della stagione, contro sette alla Spagna. Quindi, ad esempio, una vittoria della Juventus frutta 2/6 ossia 0,333 punti, mentre una del Barcellona 2/7 ossia 0,285 punti. Fino a giugno quindi, i successi italiani ”peseranno” di più di quelli spagnoli, il che rende un controsorpasso tutt’altro che scontato. Questi ottimi risultati non sono solo utili per il prestigio del calcio italiano, ma anche per i posti europei a disposizione nelle stagioni future. Per stabilirli vengono presi in considerazione i risultati delle cinque ultime stagioni. In questo periodo l’Italia figura al quarto posto con 70,01 punti, lontanissimo dalla Spagna (98,142) ma molto meno da Inghilterra (80,391) e Germania (79,129). Da luglio verrà inoltre scartato il coefficiente della stagione 2010-2011: mentre l’Italia “perderà” solo 11,571 punti, alla Germania ne verranno tolti 15,666 ed all’Inghilterra addirittura 18,357. Questi tre paesi partiranno alla pari o quasi. L’Italia, se i suoi club vivranno un’altra bella stagione europea nel 2015-2016, avrà quindi la concreta possibilità di ritrovare un quarto posto in Champions League – che premia le tre prime nazioni del ranking – dalla stagione 2017-2018. (Ansa)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy