Murillo: “Fui venduto all’Udinese a mia insaputa”

Murillo: “Fui venduto all’Udinese a mia insaputa”

Ai microfoni di As, il difensore del Valencia Jeison Murillo ha ripercorso la sua esperienza in Italia, dall’approdo all’addio

Commenta per primo!

Jeison Murillo è stato intervistato dal quotidiano spagnolo As e ha parlato del suo inizio carriera fino all’arrivo all’Inter che in estate lo ha ceduto al Valencia.
Per un ragazzo sudamericano essere calciatore è tutto, ma alzarsi al mattino e sapere che dal proprio sogno dipende il futuro della tua famiglia non è semplice. Ricordo quando mi arrivò la telefonata  inaspettata per venire in Italia. Mi trovavo in Nigeria, non sapevo nulla della trattativa con l’Udinese. Mia madre scoppiò a piangere. Mi resi conto che era la mia grande occasione. Non avevo idea che stavano negoziando con l’Udinese. Superate le visite mediche, però, mi mandarono a Granada. – racconta il difensore colombiano –Il calcio italiano mi ha aiutato molto sul piano tattico, là sono esigenti da questo punto di vista, in Spagna ci sono più spazi. Quando all’Inter ho capito di non avere più spazio, ho voluto il Valencia. Se non gioco mi innervosisco… E’ sempre stata la mia prima scelta, conoscevo il club dagli anni giocati in Spagna. Il calore del Mestalla mi ricorda la Colombia, poi ho creduto nel progetto vincente del club. Marcelino è un grande allenatore, i risultati si vedono. Mi dà fiducia, spero di conquistarmi il Mondiale con questa maglia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy