Nazionale, Ventura: “Non andare ai Mondiali sarebbe una catastrofe”

Nazionale, Ventura: “Non andare ai Mondiali sarebbe una catastrofe”

Il ct azzurro sottolinea: “Dobbiamo pensare qualificarci, in questo momento servono certezze. Inglese? Ho preferito puntare sull’usato sicuro”. Rimane in dubbio la presenza di Belotti

Commenta per primo!

Blindare il secondo posto e migliorare il ranking Fifa per affrontare da testa di serie il sorteggio dei play-off in programma il 17 ottobre a Zurigo. Sono questi gli obiettivi che la Nazionale inseguirà nelle sfide con Macedonia e Albania in programma, rispettivamente, venerdì allo stadio Olimpico di Torino e lunedì prossimo a Scrutari contro l’Albania.  “Ci aspettano due partite importanti – le parole del ct Gian Piero Ventura in conferenza stampa – e uno spareggio che sapevamo di dover affrontare. Il 4-2-4? Valuteremo, ma le idee restano quelle. Il problema non è il modulo, ma come viene interpretato”.

In attesa di conoscere le condizioni di Belotti, il ct deve fare i conti con le defezioni di Verratti, Pellegrini ed è lui stesso ad annunciare ai cronisti INGLESE Italy Training Session And Press Conferenceanche il forfait di De Rossi. Per questo ha deciso di convocare Inglese, Gagliardini, Barella e Cristante, con questi ultimi due alla loro prima chiamata con la Nazionale maggiore: “Belotti è a Roma perché abbiamo fatto una cortesia al Torino che ci ha chiesto la possibilità di fare una risonanza magnetica questa mattina. Se dovesse avere un infortunio grave tornerà a Torino, altrimenti verrà qui. A centrocampo vengono a mancare tre giocatori importanti e arrivano tre giocatori che mi auguro diventeranno importanti”, spiega il ct, che risponde così a chi gli chiede perché abbia preferito chiamare Inglese anziché Zaza, protagonista nelle ultime settimane nella Liga con la maglia del Valencia: “Zaza è fuori da un bel po’, inglese ha fatto tutti gli stage e abbiamo deciso di utilizzare ‘l’usato sicuro’ perché in tre giorni dobbiamo preparare due partite. Ora dobbiamo pensare a qualificarci, poi potremo fare qualche esperimento, ma per il momento servono certezze”.

Il ct, infine, ha parlato anche dell’eventualità di una mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali russi: “Prima si è parlato di apocalisse, poi di tragedia, io dico invece catastrofe. Comunque esclusa la prima partita persa con la Francia a 48 ore dal mio arrivo, quando non conoscevo neppure i nomi di alcuni giocatori, a oggi abbiamo fatto 8 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta. Metterei la firma su un nuovo filotto del genere“.

Di seguito la lista completa dei convocati:

PORTIERI: Gianluigi Buffon (Juventus), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Genoa);
DIFENSORI: Davide Astori (Fiorentina), Andrea Barzagli (Juventus), Leonardo Bonucci (Milan), Giorgio Chiellini (Juventus), Danilo D’Ambrosio (Inter), Matteo Darmian (Manchester United), Daniele Rugani (Juventus), Leonardo Spinazzola (Atalanta), Davide Zappacosta (Chelsea);
CENTROCAMPISTI: Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Atalanta), Roberto Gagliardini (Inter), Marco Parolo (Lazio);
Esterni: Federico Bernardeschi (Juventus), Antonio Candreva (Inter), Stephan El Shaarawy (Roma), Lorenzo Insigne (Napoli), Simone Verdi (Bologna);
ATTACCANTI: Andrea Belotti (Torino), Eder Citadin Martins (Inter), Manolo Gabbiadini (Southampton), Ciro Immobile (Lazio), Roberto Inglese (Chievo).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy