Niente tentato omicidio, pena ridotta per ultras Toro

Niente tentato omicidio, pena ridotta per ultras Toro

Sono state ridotte dalla Corte d’appello le condanne inflitte in primo grado a tre ultras del Torino processati per il caso del tifoso juventino aggredito e preso a calci in testa davanti allo stadio, nel 2012, prima di un derby. I giudici hanno anche stabilito che non si è trattato di tentato omicidio ma di lesioni gravi. Le pene scendono da nove a due anni di carcere (con la condizionale) per due imputati, e da otto e mezzo a uno e mezzo per un terzo. Confermata l’assoluzione per un quarto ultras. Il tifoso bianconero, che non faceva parte di gruppi organizzati, venne aggredito mentre, da solo, stava raggiungendo a piedi lo stadio. I numerosi interventi chirurgici non riuscirono a evitargli la deformazione del volto.

Anche queste sono storie di calcio italiano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy