Cassano: Non passo un altro anno in panchina

Cassano: Non passo un altro anno in panchina

Antonio Cassano vuole restare alla Samp, ma non per restare in panchina

Commenta per primo!

Mi sto allenando praticamente tutti i giorni. Per due anni di fila mi è mancato il ritiro, ma penso di aver dato il mio contributo (due gol e otto assist) e questo mi fa capire di poter essere ancora decisivo. Ma non posso essere contento perché troppe partite le ho viste dalla panchina e non tutte le ho capite. Vado per i 34 anni, quando sarò a fine carriera sarò il primo ad alzare la mano. Ora, no“. Lo dice l’attaccante della Sampdoria Antonio Cassano in una intervista al Secolo XIX. “Ho ancora tanta voglia di divertirmi e se non gioco non mi diverto“, dice Cassano che con Zenga in panchina ha fatto otto presenze (una dall’inizio) e con Montella 16 (12 dall’inizio).

Quando li sentirò dirò quel che penso, se ci sarà condivisione bene, altrimenti vedremo cosa fare. Mi aspetto che non ci sia prevenzione verso di me e di poter partire alla pari con gli altri e chi è più bravo gioca. Se è così ne gioco 38, se mi dicono ‘Se…’, ‘Ma…’ allora non mi quadra“, ha concluso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy