Chievo, Maran: ho un’opzione per l’anno prossimo, vedremo

Chievo, Maran: ho un’opzione per l’anno prossimo, vedremo

Rolando Maran si sta godendo il momento al Chievo, con la salvezza virtualmente in tasca.  A Tuttosport racconta quest’avventura sulla panchina dei clivensi.  «Ci siamo portati avanti, però i numeri dicono che dobbiamo ancora correre – replica il tecnico Rolando Maran -. Abbiamo dato una bella registrata alla classifica, ci sorride molto ma non è ancora fatta».

La squadra ha raccolto 17 punti nelle ultime 10 gare, come la Fiorentina: davanti a voi solo Lazio (24) e Juventus (20). «Non me ne ero accorto, me lo hanno fatto scoprire. E’ una cosa bella, ripaga tutti. Abbiamo fatto un grande lavoro per migliorare in maniera progressiva. E’ gratificante quando aggiungi sempre qualcosa, significa che la strada è giusta. Occorre avere lo stesso atteggiamento, testa bassa e pedalare».

Maran era stato una bandiera del Chievo: «Era nel mio destino. Ho avuto in lunghissimo percorso da calciatore (dal 1986 al 1995, ndr) fino alla B. Ho sempre pensato che un giorno sarei tornato da tecnico. Già nel 1997 ero il vice di Baldini, appena smesso di giocare. Quando mi hanno chiamato, l’emozione è stata incredibile. La responsabilità era grande, mi consegnavano una squadra in difficoltà in una categoria conquistata e mantenuta con tenacia. Era un momento delicato, mi hanno dato fiducia».

Sul suo futuro conclude senza dare indicazioni: «Ho un’opzione per l’anno prossimo, non ho ancora preso un appuntamento con Campedelli: aspettiamo la certezza della salvezza, prima».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy