E intanto la Samp vola…

E intanto la Samp vola…

Un pomeriggio di un giorno da cani, per la Juventus: ovvero, come buttare via due punti in classifica. Non che la Sampdoria non si sia meritata il pareggio finale (1-1), anzi, in coda a un’ottima ripresa ha pure sfiorato il colpo (grande Buffon su Gabbiadini), ma vogliamo parlare del primo tempo? I bianconeri l’hanno dominato, di tecnica e di fisico, e chiuderlo solo sull’1-0 è stato peccato mortale. La Samp non riusciva a mettere fuori i piedi dalla propria metà campo, a parte un paio di rilanci sventati da Buffon, di testa. Per il resto, solo Juve, che fin dall’inizio ha sottoposto a bombardamento Romero: piattone di Tevez (4’), sassata centrale di Morata (11’); fiondata di Marchisio da fuori (21’). Nel mezzo, il vantaggio di Evra, che di testa ha buttato dentro un corner di Marchisio (12’). Oltre a un paio di contropiedi che avrebbero potuto essere gestiti molto meglio. Nel frattempo, Mihajlovic era passato dal 4-3-1-2 al 4-3-3, anche se poi il nuovo telaio pagherà solo nella ripresa, con l’ingresso di Gabbiadini. 

Secondo tempo, altra partita. La Juve s’affaccia giusto in avvio (botta di Pereyra, Romero ci arriva), ma la Samp trova la ripartenza vincente: Regini-Eder-Gabbiadini, gol, con sinistro da fenomeno. Dato merito all’attaccante doriano (e metà juventino, ancora per poco…), che è mancino lo sanno anche al Bar Sport: dove però Evra non va. Bianconeri drammaticamente sulle gambe, e mai così lunghi sul prato, di fronte a una Samp molto compatta, con un 4-3-3 che si chiude a 4-5-1. Eppure la squadra di Allegri avrebbe anche le chance per sorpassare ancora, ma Tevez liscia il sinistro.

(…)

(La stampa)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy