Juve, gli auguri di Galeone ad Allegri

Juve, gli auguri di Galeone ad Allegri

Giovanni Galeone non si scorda del suo allievo, Max Allegri, e nel giorno del compleanno del tecnico della Juve, gli invia gli auguri tramite Tuttosport:  “Faccio tanti auguri a Max. Quando arrivò al Pescara non lo conoscevo. Anzi, me lo tirarono dietro. In Abruzzo volevano Frederic Massara, ma il Pavia l’aveva promesso al Venezia e per giustificare il repentino cambio di fronte la presidentessa del Pavia Giusy Achilli inserì Allegri e disse: ‘Chiudiamo con il Pescara perché loro acquistano due nostri giocatori’. Non conoscevo Max, anzi mi chiedevo: ‘Ma di questo Allegri che me ne faccio?’. Un allenamento e avevo già la risposta: era un calciatore vero e un leader. Da tecnico sta raccogliendo ciò che avrebbe meritato anche da calciatore”.

Sulla Juve, prossima avversaria dell’Udinese alla prima di campionato, l’ex tecnico dei friulani continua: “Ho parlato con lui, ha le idee chiare su come impostare una squadra che ha salutato Tevez, Vidal e Pirlo, lo ha già dimostrato sabato in Supercoppa. Per il trequartista penso che Draxler è il giocatore che fa al caso suo: ha tecnica e prospettiva, può valere i massimi livelli. E’ perfetto per il nuovo ciclo bianconero fondato sui giovani come Dybala, Zaza, Morata, Rugani. Certo, se dovessi fare un nome, ne avrei uno ancora più adatto e la Juve lo conosce bene. Domenico Berardi è tre spanne sopra tutti. E’ un numero 10 vero, di quelli che sfornano assist e segnano 20 gol in una stagione: numeri alla Baggio, alla Del Piero, alla Totti. E qui si parla di coprire la mancanza dei 29 gol di Tevez, ma è un osservazione puramente tecnica”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy