Juve tra CL e Serie A, Khedira: serve massima concentrazione

Juve tra CL e Serie A, Khedira: serve massima concentrazione

Dopo il ko con la Lazio, la Vecchia Signora tornerà in campo mercoledì allo Stadium contro lo Sporting Lisbona per la terza gara del gruppo D di Champions League

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Lontana dalla vetta, agganciata dalla Lazio e costretta a vincere in campo internazionale: il “quadro clinico” della Juventus non è dei migliori. Dopo anni di dominio incontrastato, sembra la lunga corsa della Vecchia Signora stia subendo una frenata importante. Ecco perchè l’impegno di mercoledì sera allo Juventus Stadium contro lo Sporting Lisbona – valido per il terzo turno del gruppo D di Champions League – appare come l’occasione imperdibile per riscattare un momento di appanamento generale.

Per centrare un risultato positivo mister Massimiliano Allegri potrà contare su Sami Khedira, schierato nell’anticipo di sabato contro i biancocelesti dopo essere rimasto fuori causa per diverso tempo. «Stare fuori alcune settimane non è stato semplice, ma adesso non sento dolore, sto bene, sono contento di essere ritornato in campo con i miei compagni», le parole del centrocampista rilasciate a Sky e Mediaset. «Ovviamente, come dopo ogni partita, abbiamo rivisto la sfida contro la Lazio insieme – racconta Sami – Abbiamo notato come la ripresa non sia stata all’altezza del primo tempo, soprattutto da un punto di vista difensivo. In questo momento l’aspetto su cui dobbiamo lavorare maggiormente è quello della concentrazione: non è una cosa positiva essere stati recuperati sia a Bergamo che contro la Lazio: questi avversari, se non mantieni sempre alta la tensione, ti colpiscono in modo letale, come infatti è accaduto. Se sei avanti nel punteggio, non devi mollare e cercare altri gol, senza essere sicuro di aver vinto. Se subiamo troppi gol, non è una questione di modulo, ma di come ci si muove e ci si sta vicini in campo». Intanto Napoli e Inter si stanno imponendo ai vertici della classifica: «Sono in ottima forma, hanno due grandi allenatori e stanno portando a casa delle grandi prestazioni. Essere dietro al Napoli di cinque punti non è bello, ma il campionato è lungo, e i risultati degli ultimi anni ci dicono che fra le pretendenti alla vittoria finale, ovviamente, ci siamo anche noi. L’Inter? è migliorata molto, sono una squadra solida, non perdono la testa e sono organizzati».

Prima del prossimo turno di serie A, che vedrà la Juventus impegnata domenica alle 18 allo stadio Friuli contro l’Udinese (preannunciato il sold out), mercoledì c’è la sfida con di Champions contro i lusitani. «Lo Sporting ha dimostrato in queste prime due partite di non essere un avversario semplice: sono portoghesi, amano giocare la palla: noi dovremo approcciare al match giocando con pazienza, senza spingere all’impazzata nei primi minuti per segnare molti gol. Le prossime partite, specialmente quelle in casa, ma anche la trasferta a Lisbona, saranno fondamentali per il passaggio del turno».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy