Milan, capolinea Inzaghi. Oggi l’addio

Milan, capolinea Inzaghi. Oggi l’addio

“Ora la società rifletterà e prenderà la decisione migliore. Il Milan è nel mio cuore, qualsiasi sia la decisione. Posso andare in giro a testa alta, perché ho sempre dato tutto me stesso”. Le parole pronunciate da Pippo Inzaghi al termine della partita col Genoa, suonano come un messaggio d’addio. Più volte in stagione il tecnico rossonero si è ritrovato in bilico, ma ormai è chiaro che ha toccato il fondo. “Questo è il calcio – aggiunge l’allenatore – fa parte del gioco. Mi dispiace. La squadra era voluta restare in ritiro, per fare una buona partita. La squadra da tutto, ma in questo momento non basta, non è sufficiente”.

Il ritiro è stato prolungato anche dopo la sconfitta di questa sera. I giocatori si sono già diretti a Milanello, mentre è stato già preallertato durante la partita il tecnico della Primavera Cristian Brocchi. Adriano Galliani contatterà il presidente Berlusconi e il patron dopo una notte di riflessione deciderà non solo su Inzaghi, ma su come proseguire la trattativa con Mr. Bee. “Bisogna ripartire, il Milan ha dato tanto in questi anni, dobbiamo guardare avanti, tenerci stretto questa società e questa maglia. Il Milan è sempre il Milan”, il commento dell’allenatore rossonero sull’eventuale cessione del club. Poi Inzaghi cerca di trovare giustificazioni per questa stagione: “Non si devono avere rimpianti, a gennaio-febbraio abbiamo perso molti giocatori, ci è mancata un po’ di organizzazione. Abbiamo perso l’identità e abbiamo cambiato qualcosina, l’errore forse è stato lì. Rimpianti però non si devono avere: tutte le situazioni ti insegnano qualcosa quando fai questo mestiere, ma penso che me lo insegneranno anche tra 20 anni. Uno non deve mai avere rimpianti, altrimenti che allenatore sarebbe?”.

Intanto scatto scatta il toto nomi, anche se il futuro rossonero è sempre più nero al momento.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy