Milan: Taechaubol convinto, crescono i dubbi a Berlusconi

Milan: Taechaubol convinto, crescono i dubbi a Berlusconi

“Thank you Milan, see you soon”: grazie Milan ci vediamo presto. Bee Taechaubol ha lasciato l’Italia con la promessa, fatta oggi via Twitter, di tornare al più presto, forte di un negoziato (secondo lui) in esclusiva per l’acquisto di una quota di minoranza del Milan. Eppure il broker tailandese, dopo neanche 24 ore dalla sua partenza, deve fare i conti con le prime indiscrezioni che filtrano.

Le voci secondo le quali Silvio Berlusconi avrebbe già riallacciato i contatti con gli altri possibili acquirenti, in particolare il gruppo di imprenditori che fa capo alla cordata cinese di Mister Lee, sono state smentite da Berlusconi: ”nessuna trattativa in corso con cordate cinesi”, la nota da Arcore. Ma in trattative così complesse, i dettagli possono fare la differenza: molto fa pensare che l’esclusiva di cui parla Taechaubol non sia stata messa nero su bianco, né codificata in alcun modo. Dopotutto, il comunicato stampa di Fininvest non menziona l’esclusiva, a differenza di quello di Thai Prime, l’azienda guidata da Mr. Bee. Berlusconi sembra fortemente titubante rispetto alla possibilità di vendere il Milan: in questo momento ogni scenario resta aperto. Il presidente non è intenzionato a cedere la maggioranza: vuole per sé il 51 per cento e la leadership.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy