Serie A, Zuccalà: L’Udinese ha messo in difficoltà la Lazio

Serie A, Zuccalà: L’Udinese ha messo in difficoltà la Lazio

Commenta per primo!

L’opinione di Franco Zuccalà per il portale dell’agenzia Stampa Italpress:
Inter sola al comando a punteggio pieno. In una giornata tempestata di pareggi (cinque, con quattro 2-2 in nove partite), e’ cambiato poco, in classifica, per il resto. Il derby milanese non e’ stato un granche’ ed e’ stato animato dopo il gol diGuarin, nel finale, a seguito dell’entrata di Balotelli che ha vivificato l’attacco rossonero, ha colpito un palo e ha ingaggiato un duello anche fisico con Melo. Si dice che i derby non vanno giocati bene, ma vinti. E Mancini ha rispettato la regola, spingendo verso il basso il Milan del suo amico Mihajlovic, che ha perso due partite su tre. Note positive per l’Inter? Felipe Melo, da rivedere Perisic. I rossoneri risentiranno del contraccolpo. Alle spalle della capolista, Chievo, Sassuolo, Palermo (cioe’ la provincia), piu’ Roma e Torino (padrone della citta’ della Mole, vista l’eclissi della Juve). Il Chievo si e’ sentito derubato di due punti, a Torino: Maran ha un attacco pericoloso (otto gol), una difesa solida e un centrocampo che ha messo in difficolta’ quello guidato da un Marchisio non ancora al meglio. Avrebbe potuto vincere per la prima volta a Torino, il Chievo, e certamente la Juve (cambiata in vista della Champions) non ha entusiasmato. Il malessere bianconero ha origine dalla partenza di Tevez, Pirlo e Vidal (ed e’ risaputo), ma vedrete che Allegri, incensato sino a un mese fa, verra’ discusso per qualche scelta discutibile. Certo, con Cuadrado in campo, le cose son cambiate. Ma restano i problemi di fondo: la Juve ormai prende sempre gol, e’ carente in mezzo al campo e segna solo con Dybala (due reti). 
L’arbitro Guida a Torino e’ incappato in alcuni casi-limite: gol annullato a Cesar, rigore del pareggio, pure un penalty non dato a Pogba. Ma nessuno togliera’ dalla testa ai “mussi” di aver subito dei torti, in omaggio al blasone bianconero, un po’ sbiadito. La Roma ha vinto ma non ha passeggiato, a Frosinone, e certamente i “tottisti” avranno da ridire. Vorrebbero sempre “Er Pupone” in campo. Dalle prodezze di Iago Falque agli errori di Dzeko, la squadra di Garcia offrira’ molti spunti di discussione. Ma la sensazione e’ di aver visto una Roma meno grigia di quella della pareggite.
(…)Bene gli emiliani (Borriello: veni, vidi e segnai): ora hanno un punto, come la Juve! L’arbitro Doveri, in Fiorentina-Genoa, dopo l’espulsione del viola Badelj non si e’ sentito forse di cacciare qualche altro giocatore di casa gia’ ammonito. Rossi ritorno senza acuti. La squadra di Gasp, per quanto abbia tentato di ribattere al gol di Babacar, non e’ riuscita a pareggiare pur attaccando a tutto spiano nel finale. 
La Lazio e’ tornata a vincere, grazie alla doppietta di Matri che, appena entrato, ha segnato. Un uomo per tutte le squadre (ha fatto il giro d’Italia) e tutte le stagioni. L’Udinese ha tuttavia messo in difficolta’ la squadra di Pioli, prima di cedere. Ora i biancazzurri possono tornare a sperare in un piazzamento all’altezza. La mediocre difesa del Napoli (6 gol presi in tre partite, ma anche un palo sul 2-2) ha messo a repentaglio il risultato a Empoli, dove Sarri ha costruito la propria carriera. Bene i toscani e il solito Saponara. Quando Montella litigo’ con la Fiorentina si disse che sarebbe stato “prenotato” per subentrare a Sarri in caso di difficolta’. A certe voci non si puo’ credere: sarebbe orribile. L’attuale tecnico fa parte di un progetto: c’e’ o non c’e’.
(…)Poi le coppe. Non crediamo che tutte le nostre squadre le affronteranno serenamente e nelle migliori condizioni. Inutile dire bugie e creare illusioni.
(ITALPRESS – Getty Images)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy