Zamparini: “Andare in B non è la fine del mondo”

Zamparini: “Andare in B non è la fine del mondo”

Il presidente: “Non abbiamo la mentalità per salvarci: l’altra volta ci ho rimesso 30 milioni, stavolta sarebbe diverso. Novellino? Un po’ attempato: la squadra è inguardabile”

Commenta per primo!

Gli incidenti in centro a Palermo sono stati provocati da duecento persone, che vengono da un settore politicizzato della curva. Il motivo era la politica e non il calcio, quelli del Palermo sono di sinistra e quelli della Lazio di destra“. Lo dice Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, a La Zanzara su Radio 24, in merito agl incidenti di ieri pomeriggio nel capoluogo siciliano. “Spero -dice Zampariniche il Prefetto chiuda la curva dove ci sono questi esagitati. Spero che resti chiusa“.

Poi sulla corsa salvezza: “Non abbiamo la mentalità per salvarci – spiega Zamparini -, sono retrocesso anche con Dybala e Ilicic. Non siamo abituati a combattere come Carpi e Frosinone. Andare in serie B comunque non è la fine del mondo. L’altra volta ci ho rimesso 30 milioni, ora c’è un paracadute importante“. Per il club più che per lui: “Vendo anche se resto in serie A – giura -, e se non vendo non faccio più il presidente“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy