Zamparini annuncia: ultimo anno da presidente

Zamparini annuncia: ultimo anno da presidente

Nell’ambito della Festa del Mister 2015, organizzata dall’Aiac Udine, il numero uno rosanero ha ricevuto il riconoscimento: “Friulano del calcio”. E sul suo futuro ha rivelato: “Resterò proprietario del Palermo, ma lascerò l’incarico da presidente”

A poche ore di distanza dalla grande rabbia per il ko in campionato con la Sampdoria, nel quale ha pesato, a suo dire, la direzione di gara non del tutto ineccepibile da parte dell’arbitro Michael Fabbri (della sezione di Ravenna), il presidente del Palermo Maurizio Zamparini è tornato in Friuli da vincitore. La sezione provinciale dell’Associazione italiana allenatori calcio (Aiac Udine), infatti, questa mattina ha consegnato al vulcanico presidente rosanero il riconoscimento “Friulano del calcio – edizione 2015” nell’ambito della tradizionale “Festa del mister”, alla presenza del presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini e delle massime autorità sportive regionali.

Prima di ricevere il premio, Zamparini ha concesso qualche battuta ai giornalisti presenti all’evento e subito è arrivato un annuncio-choc. “Questo sarà il mio ultimo anno da presidente – le sue parole -. Resterò proprietario, ma non sarò più presidente”. E poi, a margine della premiazione, ha aggiunto: “Presto lascerò il calcio professionistico. Io vorrei tornare a casa mia, ad Aiello del Friuli, e creare una scuola calcio con l’aiuto di questi allenatori premiati oggi, che fanno questo mestiere per passione. Vorrei ricreare quello spirito, quella comunità che avevamo noi. Vorrei che la nuova generazione ritrovasse quei valori dimenticati”.

Tornando al calcio giocato, Zamparini punta il dito contro l’arbitro Fabbri: “Considero indecente la direzione di gara di ieri sera. La disgrazia è che quell’arbitro abita a 300 metri dalla casa del mio mister, ma lo abbiamo scoperto dopo. Se il designatore lo avesse saputo di sicuro non lo avrebbe mandato…”. Dopo il ko con i blucerchiati, la situazione per il Palermo in classifica si è ulteriormente complicata, ma Zamparini è fiducioso: “Non sono preoccupato, anche ieri sera abbiamo giocato bene. Se l’arbitro non avesse preso certe decisioni, avremmo vinto. C’era un fallo di Cassani enorme su Gilardino… Quando succedono queste cose poi i ragazzi non ci credono. Chi ci tutela?”. Infine, ecco l’augurio di Zamparini al Palermo per il 2016: “Speriamo di trovare il nostro equilibrio, come ha fatto l’Udinese. Arriveranno dei rinforzi nei ruoli dove siamo carenti. Rigoni in uscita? E’ un giocatore del Palermo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy